Prima che la Langa bassa si scontri con le ultime frange del Monferrato, nello sguardo alto appare Castiglione Tinella. Siamo ancora in provincia di Cuneo, anche se agli estremi confini; la città di Cuneo è lontana 90 km circa, come anche Torino, mentre 25 km ci dividono da Alba e da Asti. Il comune è posto ad una altezza di 408 metri e ha una superficie di 12 kmq sui quali risiedono i circa 900 abitanti. E’ costituito da un nucleo abitato centrale e da diverse frazioni; in una di queste si trova il Santuario dedicato alla Madonna del Buon Consiglio.

Il territorio è totalmente collinare ed è, per oltre il 90% della superficie agricola, coltivato a vigneto; questo dato lo porta ad essere fra i comuni più vitati d’Italia. Dal suo punto più alto si diramano tre dorsali maggiori, divise da due rocche dette “badie”, che degradano in direzione della valle Tinella e della valle Belbo, da queste si dipartono altre dorsali minori. Tra le vigne, le macchie di bosco rimaste, dette “rive”, e i rari pioppeti, offrono il prezioso tartufo d’Alba: protagonista “autunnale” della nostra cucina. (Dal sito istituzionale)

Sito ufficiale del Comune di Castiglione Tinella

Visualizza la cartina sfogliabile

Ai diversi eventi che annualmente animano la comunità castiglionese e il territorio circostante, in questa primavera si aggiunge “Monumenti Aperti”, appuntamento che ha radici sarde e che sta coinvolgendo ormai da qualche anno diverse località italiane. È una nuova occasione, che nasce da una bella intuizione, per poter valorizzare elementi preziosi che caratterizzano i piccoli centri rurali come il nostro, muovendosi nella ricerca dei caratteri storici e coinvolgendo gli alunni delle nostre scuole che sono chiamati a ripercorrere la memoria del tempo e a diventare le guide che presenteranno i nostri “monumenti” ai partecipanti l’evento. Così a Castiglione Tinella si approfondirà la conoscenza del vecchio “forn‘d Narcis”, uno dei forni attivi in passato nel centro storico del paese che sarà aperto alle visite per l’occasione, l’antica parrocchiale di S. Andrea e il Bosco delle Badie che compare sul territorio a nord-est vicino al paese stesso. Lateralmente a questi luoghi protagonisti, sarà interessante scoprire ed ammirare anche la mostra fotografica dedicata alla nota Contessa di Castiglione, personaggio storico del luogo. Sarà così una nuova occasione di visita per il nostro paese ma il valore più grande è certamente l’impegno didattico degli alunni, intenso e dettagliato, guidato con la solita passione dalle insegnanti cui vanno i ringraziamenti. Per questo appuntamento, che nello stesso giorno vedrà anche la partecipazione dei Comuni di S. Stefano Belbo e di Mango, intendo ringraziare anche Francesca Spissu della Associazione Imago Mundi promotrice dell’iniziativa, lo scrittore Luigi Dal Cin, Bianca Pulciani, proprietaria del forno, Anna Maria Arione e Giorgio Mignone per l’aiuto nel lavoro di ricerca ed infine Simona Fogliati, amministratore di questo Comune che ha seguito e curato il progetto.

Bruno Penna – Sindaco di Castiglione Tinella

Informazioni Utili

I monumenti saranno visitabili gratuitamente, il pomeriggio della domenica dalle ore 15.00 alle ore 19.00.

Per le visite ai siti si consigliano abbigliamento e scarpe comode.

È facoltà dei responsabili della manifestazione limitare o sospendere in qualsiasi momento, per l’incolumità dei visitatori o dei beni, le visite ai monumenti.

 

  • Info via e-mail: simona.fogliati@outlook.it
  • www.monumentiaperti.com
  • tel. 0141855102 – Cell. 3392444042

  • Comune di Castiglione Tinella
  • Istituto Comprensivo Cesare Pavese: classi IV e V, plesso di Castiglione Tinella
  • Associazione Contessa di Castiglione
  • Bottega del vino Moscato

La manifestazione locale è sostenuta da:

LOGO SPONSOR CASTIGLIONE

Iniziative speciali

Eventi

I monumenti