Qualche cenno sull'argomento:

L’edificio attuale del secolo XVI, frutto di un totale rifacimento del precedente edificio trecentesco, rappresenta una delle architetture gotico-catalane più significative della Sardegna. Nella semplice facciata si apre un portale archiacuto e, in linea con esso, un rosone racchiuso da cornici modanate. Più in alto, una mensola su cui poggia una scultura in marmo che rappresenta la Vergine incinta. Altri due oculi laterali completano la decorazione del prospetto. L’interno è a navata unica, scandita da campate, e copertura lignea. Il presbiterio a pianta quadrata è rialzato e coperto da una volta stellare. Sette cappelle si aprono su ogni lato. Dalla prima cappella a destra si può raggiungere una cantoria in muratura.
Degno di nota, fra gli elementi di arredo liturgico, il Retablo della Vergine attribuito al pittore stampacino Antioco Mainas, realizzato intorno alla metà del XVI secolo.