Qualche cenno sull'argomento:

La chiesa della Natività di Maria Vergine, conosciuta anche come Chiesa di Maria Bambina (nome acquisito nel 1894), fu edificata nel 1824. L’edificio sorse sulle rovine della Chiesa di San Pietro lungo la via Roma, attuale sede parrocchiale. La stessa parrocchia conserva ancora il nome di Pievania, titolo che nell’Alto Medioevo veniva attribuito ad una parrocchia, “Chiesa matrice”, posta a capo di altre piccole chiese e retta dal Pievano. L’edificio, in stile tardobarocco, è opera di maestranze isolane centro-settentrionali che operarono anche in altri centri quali Bosa, Mara e Pozzomaggiore. La facciata ha una parte inferiore delimitata agli angoli da lesene e chiusa da una trabeazione aggettante. L’interno è ad unica navata con cappelle laterali, terminante nella volta a cupola. Tra gli arredi risaltano due altari gemelli della Madonna del Carmelo e di Santa Anastasia realizzati dai fratelli Diana e Calvia. Di pregio anche l’acquasantiera in marmo, recante un’ iscrizione del 1599. La festa patronale si celebra l’8 Settembre.