Qualche cenno sull'argomento:

Tra le tombe di Giganti la più evidente, perché l’unica ad aver avuto uno scavo razionale, è quella di su Niu de su crobu, situata in località sa Corona de su crabì, a circa 1 km dal nuraghe Grutt ‘e
acqua e a poche decine di m dalla strada bianca di circonvallazione del pianoro di Serra di is porcus. La sepoltura, che occupa un lieve rialzo di roccia trachitica, è formata da un corridoio funerario rettangolare absidato, lungo poco più di m 10 e largo in media m 1,20. Un piccolo portello di m 0,60 x 0,70 orientato ad ESE, costituito da un sistema trilitico con architrave molto robusto lavorato in forma di parallelepipedo, mette in comunicazione la camera sepolcrale con
l’area delimitata da una esedra costituita da massi, più o meno lavorati, in posizione ortostatica. In questa area si svolgevano le cerimonie funerarie ed i riti terapeutici-sacrali dell’incubazione. La tomba di Giganti, così chiamata dalla fantasia popolare, è un monumento funerario con funzione di sepoltura plurima e luogo di culto. Come tomba si affianca nel primo periodo alle domus de janas per poi diventare durante la piena età nuragica l’unica forma di sepolcro monumentale. La forma planimetrica, nella massima espressione formale, è modellata sullo schema della protome taurina, con il muso rappresentato dall’abside, le corna dall’esedra e la testa dalla camera rettangolare; la protome taurina rimanda al dio-toro che incarna il principio
maschile in una società divenuta patriarcale. Indizio del passaggio dalla società matriarcale alla società patriarcale nel culto funerario è l’abbandono dell’utilizzo degli ipogei artificiali, dove la figura centrale e fondamentale è la Gran Madre. Una Dea Madre genitrice che partorisce il toro, suo maschio e suo paredro, il quale durante l’età prenuragica è solo una figura complementare anche se necessaria.

Bibliografia: G. Pinna “Sant’Antioco Ricerca e storia dell’identità” – Zonza Editori – dicembre 2007, pp. 37-41-43