Sant'Antioco 2015

Forte Sabaudo

,

Sulla collina che sovrasta la basilica di Sant’Antioco si trova il forte sabaudo “Su Pisu”. Fu costruito tra il 1813 e il 1815 per dare riparo ai soldati ed alla popolazione di Sant’Antioco in caso di assedio da parte dei pirati saraceni. A seguito della tragica incursione del 22 luglio 1812 la popolazione di Sant’Antioco aveva chiesto con forza al Governo Sabaudo di prendere provvedimenti per [...]

Ponte Romano

I ponti romani occupano una posizione di primario interesse nella viabilità della Sardegna romana. Si tratta di opere d’arte della rete stradale la cui appartenenza all’architettura romana è facilmente comparabile con quelli di altre provincie, nonostante i rimaneggiamenti avutisi nei secoli. Il ponte romano di Sant’Antioco, oggi fortemente rimaneggiato nella sua struttura, rappresenta un unicum per la posizione sul territorio. Differentemente dagli altri ponti della Sardegna romana collega [...]

Saline di Sant’Antioco

,

La Salina di Sant’Antioco si estende su una fascia pericostiera lunga circa 20 Km, per una profondità massima di circa 3 km. Realizzata nei primi anni ‘60  mediante opere di regimazione e collegamento di lagune costiere esistenti, entrò in produzione nel finire dello stesso decennio. La superficie utile coperta dalle acque, variabile stagionalmente, è di circa 1500 ettari, suddivisa, in evaporante (1300 ettari) e [...]

Mostra Cimeli, armi e uniformi dell’Arma dei Carabinieri di Sardegna

Lo spirito e le tradizioni dei Carabinieri di Sardegna sono un sentimento vivo e profondo, il legame che unisce l’isola e l’Arma ha radici antiche che rendono la nostra istituzione, una parte fondamentale della società; l’attenzione che le istituzioni rivolgono alla presenza delle Stazioni Carabinieri e la speranza che in esse ripongono, deriva da una delle capacità che i Carabinieri hanno saputo esprimere, sin dal 1822, pacificando un [...]

Cronicario

L’area archeologica emersa nel cuore del tessuto urbano moderno di Sant’Antioco, tra le vie d’Azeglio e Gialeto, a ridosso delle strutture dell’asilo e dell’ospizio comunali, conserva un prezioso spaccato dell’insediamento umano nell’antica Sulky. Gli scavi hanno rivelato la presenza di una potente stratigrafia che conservava in successione, a partire dal basso, le testimonianze di un insediamento di capanne dell’ Eneolitico, la sovrapposizione dell’abitato fenicio e, alla sommità, [...]

Villaggio Nuragico Grutti ’e acqua

,

Presso Grutti ‘e Acqua, imponente complesso nuragico abbarbicato su un’altura che domina l’ampia e fertile pianura, sono visibili crolli di capanne dell’antico villaggio, mentre poco a valle si trova l’antica vena sorgiva, racchiusa in un tempio a pozzo dove in particolari occasioni venivano celebrati i riti sacri. Il villaggio è immerso in una lussureggiante vegetazione dove sono presenti tutte le [...]

Villaggio Ipogeo

,

Unica nel suo genere, l’area è costituita da una parte dell’antica necropoli punica di Sulky e raggruppa numerose tombe ipogee scavate nel tufo tra il VI ed il III secolo a. C., riutilizzate da famiglie molto povere dalla seconda metà del XVIII sec. come abitazioni. In seguito al ritrovamento delle spoglie di Sant’Antioco sotto la Basilica a lui dedicata, [...]

Torre Canai

,

Nella parte meridionale dell’isola di Sant’Antioco in località Turri, sorge una torre di avvistamento che venne realizzata sotto il governo del conte Lorenzo Bogino. Egli infatti riordinò l’amministrazione delle torri litoranee erette sotto la dominazione spagnola del re Filippo II. Già parecchio tempo prima i cittadini di Iglesias, interessati a coltivare terre nell’isola di Sant’Antioco, avevano rivolto una supplica al re di Sardegna, nella quale offrivano il proprio aiuto per la costruzione [...]

Tomba dei Giganti

,

Tra le tombe di Giganti la più evidente, perché l’unica ad aver avuto uno scavo razionale, è quella di su Niu de su crobu, situata in località sa Corona de su crabì, a circa 1 km dal nuraghe Grutt ‘e acqua e a poche decine di m dalla strada bianca di circonvallazione del pianoro di Serra di is porcus. La sepoltura, che occupa un [...]

Tofet

,

La parola TOFET è un termine di origine biblica che indica una località nei pressi di Gerusalemme nella quale venivano praticati particolari rituali connessi agli infanti, oggi viene utilizzato convenzionalmente per indicare le aree sacre di età fenicia e punica rinvenute in Sardegna, Sicilia e Tunisia. Il TOFET di Sant’Antioco, utilizzato a partire dall’VIII sec. a.C. e sino al I sec. a.C., si presenta come un’area sacra a cielo [...]

Necropoli Punica di Sulky

,

La comunità punica che, nel V sec. a. C., abitava l’importante centro urbano di Sulky, l’odierna cittadina di Sant’Antioco, sito sulla costa occidentale della Sardegna, scelse di costruire la propria necropoli sui fianchi rocciosi dolcemente degradante verso la piana, lambita dagli stagni, sede dell’insediamento civile. I sepolcri, scavati e costruiti nel morbido tufo delle alture, sono delle camere sotterranee, spesso [...]

Museo Etnografico

,

Il Museo etnografico di Sant’Antioco, inaugurato nel luglio del 1996 è ubicato lungo Via Necropoli, distante pochi metri dal Villaggio Ipogeo. La struttura restaurata di recenti faceva parte di un antico magazzino utilizzato per la vinificazione ed è composto da un’ampia sala e da un cortile porticato dialettalmente chiamato lolla. Al suo interno sono esposti attrezzi utilizzati sino agli anni ’50 per svolgere i vari mestieri praticati nell’isola di Sant’Antioco. La prima sezione espone tutti [...]

Museo Archeologico Barreca

,

Il nuovo allestimento del MAB- Museo Archeologico Ferruccio Barreca di Sant’Antioco mostra un’ampia selezione di materiali rinvenuti durante le varie campagne di scavo tenutesi nella nostra isola e pertinenti ad un periodo che va dai primi insediamenti neolitici (III millennio a. C.) alle fasi tarde della romanizzazione. La prima sala del museo è dedicata ai reperti provenienti dall’abitato o legati alle attività di vita domestica [...]

Grotta della Natività o del Presepe

La Grotta della Natività è un ipogeo punico utilizzato come propria abitazione da Ciu Canteddu e da sua moglie. Dopo la morte di questi fu abbandonata poiché la coppia non ebbe figli. Agli inizi degli anni ‘80 la Soprintendenza ai Beni archeologici per la Provincia di Cagliari e Oristano affidò la gestione dell’ipogeo allo scultore locale Gianni Salidu perché venisse [...]

Fonte Romana

,

La colonizzazione dell’isola di Sant’Antioco fu dovuta sin dall’antichità alla presenza di numerose sorgenti d’acqua che sgorgavano copiosamente nel lungomare prospiciente la laguna. I fenici quando percorrevano il Mediterraneo facevano meta nell’antica Sulky dove potevano approvvigionarsi d’acqua per proseguire il loro viaggio. I Romani con la costruzione della città di Sulci realizzarono tutte quelle opere necessarie all’urbanizzazione della città. Tra queste, di particolare importanza, la realizzazione della canalizzazione delle acque sorgive con [...]

Vedi Altri