Il 23 e 24 aprile Carloforte, Milis, Sant’Antioco, Sardara sono i quattro comuni che aprono questa edizione così importante della manifestazione che compie i suoi primi vent’anni. Tre comuni confermano la loro adesione, mentre Milis entra per la prima volta nel circuito di Monumenti Aperti.

Due comuni importanti del sulcis – iglesiente, come Carloforte e Sant’Antioco, e due comuni del centro dell’isola, Sardara e Milis, faranno da apriporta all’edizione 2016 di Monumenti Aperti con l’apertura di ben 41 beni storici, culturali e paesaggistici visitabili gratuitamente e presentati dai numerosissimi volontari che faranno eccezionalmente da guide turistiche in occasione della manifestazione.

Tra i siti più significativi di questo primo weekend possiamo segnalare il Forte del Castello di Carloforte edificato nel 1738 per dar ricovero a uomini e armi per la difesa della comunità, poi divenne alloggio per la truppa, prigione, abitazione privata e infine, oggi, Museo Civico; il portale e bosco di Villaflor e le caratteristiche case tipiche di Milis; l’imperdibile Muma, il museo del mare e della navigazione che si inserisce nel quadro della ricca offerta culturale dell’isola di Sant’Antioco; l’area archeologica di Santa Anastasia a Sardara.