Sabato 23 e domenica 24 marzo tornano le Giornate di Primavera organizzate dal FAI. Il weekend dedicato al patrimonio culturale italiano è giunto alla 27° edizione. Il tema di quest’anno è il Ponte tra le culture, che si propone di amplificare e raccontare le diverse influenze culturali straniere disseminate nei beni aperti in tutta Italia. Saranno aperti straordinariamente oltre 1100 luoghi in 430 località nelle 20 regioni italiane grazie alla spinta organizzativa dei 325 gruppi di delegati sparsi in tutte le regioni – Delegazioni regionali, provinciali e Gruppi giovani – e grazie ai 40mila “apprendisti ciceroni” volontari.

Mercoledì 13 marzo è stata presentata in conferenza stampa l’edizione 2019 della manifestazione con la partecipazione del ministro dei Beni Culturali Alberto Bonisoli e del presidente Fai Andrea Carandini.

VAI AL SITO DEDICATO

 

Anche in Sardegna per l’occasione verranno aperti alcuni siti rappresentativi che verranno presentati in conferenza stampa alla MEM giovedì 14 marzo in cui interverranno la Presidente Regionale FAI Sardegna Monica Scanu, l’Assessore alla Cultura e verde pubblico del Comune di Cagliari Paolo Frau, l’Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Cagliari Maurizio Chessa, il Sindaco di Ulassai Gianluigi Serra, il Direttore del Museo Stazione dell’Arte di Ulassai Davide Mariani, il Capo Delegazione FAI Nuoro Carla Pacchiano, il Capo Delegazione FAI Cagliari Carla Floris, la Property Manager Bene FAI Saline Conti Vecchi (Assemini) Francesca Caldara.

ECCO I LUOGHI APERTI NELLA REGIONE SARDEGNA