Sardegna ma non solo, Monumenti Aperti è ormai un buona pratica diffusa su scala nazionale.

Nel 2014 la manifestazione è andata per la prima volta oltre i confini regionali con tre edizioni in Piemonte dove sono stati coinvolti il comune di Santo Stefano Belbo, Mango e Castiglione Tinella, nelle Langhe, raccontate anche da Pavese e Fenoglio.

Dal 2017 la manifestazione è presente in Emilia Romagna (Ferrara e Copparo) e dal 2018 in Puglia, che dopo il debutto dello scorso anno a Bitonto passa a sei comuni partecipanti con il coinvolgimento del GAL Fior d’Olivi, mentre fa il suo esordio quest’anno la Lombardia dove, in via sperimentale, si terranno edizioni di Monumenti Aperti a Milano, Como e Cantù.

Queste le date nazionali: 3 e 4 maggio Milano, 25 e 26 maggio Cantù, che bisserà anche nei giorni 27 e 28 settembre, 1 e 2 giugno Como, 19 e 20 ottobre Copparo (Emilia Romagna), 26 e 27 ottobre Ferrara e in Puglia Bitonto, Grumo Appula e Giovinazzo, per concludere il 9 e 10 novembre, ancora in Puglia, nei comuni di Terlizzi, Modugno e Palo del Colle.

 

I COMUNI NAZIONALI DELLA XXIII EDIZIONE