Cultura senza barriere
Monumenti aperti a tutti

Cultura senza barriere – Monumenti Aperti a tutti, è un’iniziativa nata ormai quattordici anni fa in seno a Monumenti Aperti prefiggendosi l’obiettivo di facilitare l’accessibilità ai monumenti a coloro che si trovano in condizioni di svantaggio e disabilità temporanea o permanente. Tutto questo avviene grazie alla preziosa collaborazione di tante associazioni di volontariato insieme ad istituzioni ed enti pubblici e privati che con grande generosità con- corrono alla realizzazione di questa importante esperienza che rende ogni anno più democratica la conoscenza del nostro patrimonio culturale.

Pinacoteca nazionale e Museo Archeologico

Sabato dalle ore 10.00 alle ore 13.30

Laboratorio permanente di sensibilizzazione alle disabilità sensoriali Paesaggi Visivi e Sonori.
Gli studenti del Liceo Classico Dettori e del Liceo Artisti- co Fois con gli operatori dell’associazione, insieme a interpreti LIS e esperti di disabilità visive, propongono una visita guidata aperta a tutti con Lingua dei Segni Italiana (LIS) e percorsi tattili.
Progetto e realizzazione: Associazione di Promozione Sociale Inmediazione

Palazzo Viceregio

Sabato dalle 9.30 alle 11.30

L’ENS (Ente Nazionale Sordi) Sezione Provinciale di Cagliari effettua una visita guidata per i sordi in lingua ita- liana dei segni (LIS).

 

Basilica di San Saturnino 

L’Anffas Onlus di Cagliari, attiva nell’ambito della riabilitazione di persone giovani e adulte con disabilità intellettiva, si fa promotore dell’adozione e della valorizzazione della Basilica grazie al contributo e alle competenze di persone che ancora oggi trovano difficoltà nel ricoprire un ruolo attivo nella società.

Il progetto prevede l’adozione e la valorizzazione della Basilica di San Saturnino e avrà come protagonisti un gruppo di persone con disabilità intellettiva afferenti ai servizi dell’Anffas (composto da 10/12 ragazzi/e) coadiuvati da una educatrice/storica dell’arte e da altri esperti, in particolare dell’Associazione Imago Mundi e dell’Università di Cagliari e verrà suddiviso in fasi.

In una prima fase del progetto i ragazzi/e selezionati hanno affrontato lo studio del monumento nei suoi molteplici aspetti: storici, architettonici, urbanistici, ambientali e sociali. Terminata la fase di studio e di ricerca sono passati alla fase di conoscenza in sito del monumento. I ragazzi/e sono impegnati nel reperire le immagini da inserire nel testo e nella stesura di una guida ad alta comprensibilità del sito (scrittura Easy To Read). Il linguaggio utilizzato nella guida sarà frutto di uno specifico progetto di semplificazione, ciò renderà il testo fruibile a persone con disabilità intellettiva, a bambini o a chi conosce poco la nostra lingua.
La seconda fase prevede la costruzione di una guida particolareggiata del sito

 

Itinerario con accessibilià

Sabato 13 maggio alle ore 16.00

L’Associazione Futuribile e Associazione Bambini Cerebrolesi Sardegna anche quest’anno, organizzano un per- corso accessibile che include: 
l’Auditorium del Conservatorio di Musica Pierluigi Da Palestrina, il Centro della Cultura Contadina Villa Muscas. Partenza dall’Auditorium del Conservatorio, Piazza Porrino.

 

CTM

Amicobus
Il servizio porta a porta di CTM SpA dedicato alle persone che non possono utilizzare il servizio di trasporto pubblico di linea, con disabilità, invalidi civili, anziani ultrasessantenni non autosufficienti ed altri con limitazioni psico siche, beneficiari di agevolazioni tariffa- rie regionali sui trasporti pubblici Per accedere al servi- zio è necessario effettuare una prenotazione al n. verde 800259745 oppure anche attraverso www.ctmcagliari.it

cliccando sul link “servizio a chiamata”, e deve pervenire il giorno prima l’utilizzo del servizio. Il servizio normalmente è programmato dal lunedì al sabato mattina, ma in occasione di Cagliari Monumenti Aperti 2017, CTM attiverà Amicobus nelle giornate di sabato 13 maggio, dalle ore 10.00 alle ore 20.00 (con prenotazione fatta il venerdì entro le 18.00) e domenica 14 maggio dalle ore 9.00 alle ore 20.00 (con prenotazione fatta il sabato entro le 10:00), prevedendo come destinazioni i soli Monumenti interessati dalla manifestazione. Maggiori info su www.ctmcagliari.it o chiamando al numero verde 800259745.

 

Servizio Speciale CTM ZEUS
Visita guidata alla città. Partenza da piazza Matteotti destinazione Poetto. Dal Poetto rientro verso piazza Matteotti sabato ore 16.00. Domenica 14 maggio 2 corse: 11.00 e 16.00.

L’itinerario dura un’ora circa (andata + ritorno) e non effettua fermate intermedie (corsa speciale riservata a Cagliari Monumenti Aperti).
Accoglienza a bordo a cura dell’Ass. Cittadinanza Attiva in collaborazione con l’Unione Italiana Ciechi (UIC).

Il percorso: Piazza Matteotti – Roma (Molo Sanità) – Roma (Molo Dogana) Bonaria – Milano – della Pineta – Poetto – Lungosaline – Poetto (ex Ospedale Marino).

 

Iniziativa l’Arco in Cielo onlus per l’accessibilità.
L’iniziativa è dedicata agli anziani over 75, che non vogliono rinunciare a partecipare alla manifestazione per motivi di disabilità o perché soli e non accompagnati. Sabato 13 e domenica 14 maggio alle ore 10.00, grazie alla disponibilità dell’azienda di trasporto pubblico CTM, sarà possibile essere accompagnati dai nostri operatori, a bordo dei bus, ad un sito prescelto, senza fare la la.

 

MEDIAZIONE CULTURALE

Visita panoramica della città di Cagliari agli ospiti stranieri Sprar, open Bus.

CTM sostiene il diritto alla mobilità di tutte e tutti, e considera il trasporto pubblico un servizio che favorisce l’integrazione sociale e culturale. Con questo tour a bor- do dell’autobus scoperto vogliamo dare il benvenuto ai nostri nuovi concittadini: vedranno la bellezza di Cagliari e dei suoi monumenti da un punto di vista speciale, viaggiando nel sole, nel vento e nel profumo del mare di una città che vuole essere aperta e multiculturale.

Una rappresentanza degli ospiti dei progetti Sprar di Cagliari, Capoterra, Uta e Villasimius e i loro coordinatori, saranno presenti alla Torre dell’Elefante e al Ghetto per accogliere i visitatori.

In collaborazione con il Gruppo Umano Solidarietà e il gruppo Cittadinanza senza limiti.