Villanovaforru è un piccolo e grazioso paese, che conta poco più di 600 abitanti, adagiato tra le dolci colline della Marmilla e divenuto meta turistica e culturale, grazie alla fortunata scoperta del complesso archeologico di “Genna Maria”, scavato a partire dal 1969. Il sito, posizionato a poco più di 400 metri d’altitudine, regala un’incredibile vista a 360° dalla quale si ammirano ben 53 paesi, il Golfo di Oristano e quello di Cagliari, l’intera pianura del Campidano, le Giare e il massiccio montuoso del Gennargentu. I reperti rinvenuti, che ci illustrano una frequentazione sviluppatasi dall’epoca nuragica a quella altomedioevale, sono stati ricomposti nel locale laboratorio di restauro ed ospitati dal 1982, nei due piani dello storico “Monte di Soccorso”, palazzetto ottocentesco che ha mantenuto l’originaria architettura. Grazie a questa valorizzazione, le tipiche attività agropastorali del paese, sono state integrate da iniziative ricettive, di ristorazione e artigianali, quali la lavorazione dei coltelli, del legno artistico, della cestineria la riproduzione della ceramica archeologica, il ricamo degli scialli. Tra i monumenti da visitare, vi sono la parrocchiale di San Francesco d’Assisi e la chiesetta campestre di antichissima origine, dedicata a Santa Marina, mentre, tra le viuzze del centro storico, si aprono vecchi portali. Recente è  l’arte dei murales, incentrati sulle fiabe, che mirano a coinvolgere i bambini e le loro famiglie ad intraprendere un viaggio nelle storie del fantastico.

La campagna di Villanovaforru, impiantata ad uliveti, vigneti e mandorleti, offre prodotti di alta qualità e le caratteristiche colline dalle sinuose forme, vengono inondate dalle fioriture vermiglie della sulla e dai colori multiformi delle splendide orchidee selvatiche;  l’abitato è inoltre circondato, come pochi paesi del territorio, da alcuni rigogliosi boschi di leccio, nei quali trovano spazio, piccole oasi attrezzate per il pic – nic.

Tra le sagre ed eventi di rilievo si possono annoverare: il falò di San Sebastiano (20 gennaio); Santa Marina (martedì dopo la Pasqua e il 17 Luglio); Sant’Isidoro (domenica vicina al 15 maggio); il Festival dell’Acqua (primo fine settimana di giugno); il Festival Internazionale del Folklore (agosto); la Sagra “Simbua fritta cun sartitzu” (2° sabato di settembre); Mestieri, sapori e saperi del passato (2° sabato e  domenica di settembre); San Francesco patrono (4 ottobre).

Sito ufficiale del Comune di Villanovaforru

Visualizza la cartina sfogliabile

Ha una storia antichissima. Ha un paesaggio di una bellezza struggente. Ha meraviglie archeologiche incomparabili. Ha una qualità della vita introvabile altrove. Dov’è questo posto? È qui, è Villanovaforru. Il nostro paese riposa su colline dolci, ricche di vigneti, grano e ulivi. Conta circa 650 abitanti: una sola, grande famiglia. Dispone di tutti i servizi e, per i turisti, è pronto ad un’ospitalità di alta qualità. Villanovaforru è patria di uomini e donne da migliaia d’anni, che hanno imparato a farsi tutt’uno con il loro territorio. Qui il suolo è il racconto della lingua, della cultura, del lavoro degli abitanti. La visita non vi deluderà. Villanovaforru saprà soddisfare il vostro desiderio di bello, tranquillità, benessere. E tornerete, magari per restarci. Il nostro paese è aperto a tutti. Venite una volta. Rimarrete per sempre.

Il Sindaco
Maurizio Onnis

Informazioni Utili

  • I monumenti saranno visitabili gratuitamente sabato dalle 15.30 alle 19.00 e dalle 21.00 alle 24.00. Domenica dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 15.30 alle 19.00
  • Per la visita ai siti si consigliano abbigliamento e scarpe comode.
  • Le visite alle chiese saranno sospese durante le funzioni religiose.
  • È facoltà dei responsabili della manifestazione limitare o sospendere in qualsiasi momento, per l’incolumità dei visitatori o dei beni, le visite ai monumenti.
  • In alcuni siti la visita potrà essere parziale per ragioni organizzative o di afflusso.

Museo Archeologico “Genna Maria”
Tel. 0709300050
e-mail: museo@comune.villanovaforru.ca.it

Iniziative speciali

Eventi
Gusta la città

I monumenti