Il Comune di Torralba, piccolo centro di circa 970 abitanti, si trova in provincia di Sassari, nel territorio denominato Meilogu, dal latino Meilocu (luogo di mezzo), area approssimativamente centrale di quello che la storia riporta come Giudicato di Torres: dista circa 40 km da Sassari e 70 km da Alghero; è facilmente raggiungibile in quanto ubicato lungo la strada statale n. 131, c.d. “Carlo Felice”, che funge da collegamento tra tutti i comuni della Sardegna. Si pensi che, quando, ai primi dell’Ottocento, la Carlo Felice viene resa carrozzabile, all’interno del paese viene istituito il primo scalo delle carrozze postali che viaggiano da Sassari verso Cagliari. Il centro abitato viene menzionato per la prima volta in un documento storico datato al 1064-65. Abbiamo testimonianze che risalgono al 3500-2700 a.C., quelle più prestigiose risalgono al periodo nuragico che fiorì nell’isola nel 1800-1600 a.C., come è testimoniato dal nuraghe Santu Antine e dalla presenza di più di 30 nuraghi, che fanno di questa valle la “Valle dei Nuraghi”. Oggi, il paese si presenta vivo e ben curato, accogliente e dinamico anche per i più giovani, le viuzze del borgo sono pavimentate e impreziosite da sedili in pietra e fontanelle. Il territorio vanta inoltre diverse chiese di notevole pregio.
La festa principale si celebra il lunedì dopo Pentecoste nella seicentesca chiesa dello Spirito Santo, dove padroneggiano processioni a cavallo e manifestazioni etnoculturali.

scopri gli altri comuni del 2-3 giugno

Il sito ufficiale del Comune di Torralba

Visualizza/scarica la guida alla manifestazione locale

Con grande interesse, l’amministrazione comunale ha aderito all’iniziativa Monumenti aperti che vede protagonisti i monumenti del nostro paese: si tratta sia di siti archeologici e beni culturali di chiara fama regionale, nazionale e internazionale, come il nuraghe Santu Antine e il Museo, sia di beni culturali meno noti come le chiese di Cabu Abbas, di Sant’Antonio Abate e di San Pietro Apostolo. Monumenti Aperti costituisce l’occasione per poter riaprire al pubblico il Museo della Valle dei Nuraghi, rimasto chiuso per la realizzazione di una serie di interventi di messa in sicurezza e di adeguamento alle normative vigenti. Le visite ai monumenti sono realizzate grazie al prezioso aiuto dei volontari di comitati e associazioni e della gioventù del posto.

Informazioni Utili

I monumenti saranno visitabili gratuitamente, sabato e domenica dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.30.

Per la visita ai siti si consigliano abbigliamento e scarpe comode.

Le visite alle chiese saranno sospese durante le funzioni religiose.

È facoltà dei responsabili della manifestazione limitare o sospendere in qualsiasi momento, per l’incolumità dei visitatori o dei beni, le visite ai monumenti.

In alcuni siti la visita potrà essere parziale per ragioni organizzative o di afflusso.

Museo della Valle dei Nuraghi del Logudoro-Mejlogu
Via Carlo Felice 143  

  • Comune di Torralba.
  • Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le provincie di Sassari e Nuoro
  • Università degli Studi di Sassari
  • Coop. Pintadera
  • Coop. Valle dei Nuraghi
  • Alunni delle classi primarie e secondarie, iscritti ai corsi di catechesi
  • Comitato religioso Sant’Antonio Abate

Iniziative speciali

Gusta la città

I monumenti