Ussana, costituita da 4.272 abitanti e ampia 32,80 kmq, sorge su un’ampia pianura contornata da alcuni rilievi collinari, fra cui il monte Zara e il monte Agutzu, non lontano da Cagliari. Il toponimo non ha origine chiara e forse deriva dal paleosardo, ma è registrato a partire dal XIV secolo. Il centro ebbe però origine in età romana; non lontano da esso passava la strada militare che congiungeva Caralis con Olbìa attraverso la Barbaria. Durante il Medioevo fece parte del Regno di Calari e dopo il 1358 di quello di Arborea. A partire dal 1300 entrò a far parte dei possedimenti d’oltremare del Comune di Pisa. La tipologia abitativa caratteristica è la cosiddetta casa campidanese con sa lolla, il loggiato antistante il cortile interno. Queste abitazioni sono ancora costruite in ladiri, mattoni crudi di fango e paglia, ma per i portali d’ingresso e nelle zoccolature delle cortine murarie di cinta si impiegano bei conci squadrati in arenaria. (dal sito istituzionale)

Il sito ufficiale del Comune di Ussana

Visualizza il libretto sfogliabile

Monumenti Aperti segna un importante passo per la valorizzazione del territorio di Ussana. Una manifestazione partecipata, di grande successo e ritorno in termini di presenze e di accrescimento per tutti i cittadini. La riscoperta dell’identità passa infatti attraverso esperienze e percorsi di conoscenza del patrimonio culturale. Ussana presenta i suoi monumenti simbolici per la storia del paese: la chiesa di San Saturnino, preziosa testimonianza della presenza dei monaci Vittorini in Sardegna, l’oratorio del Rosario, pregiato per la memoria storica dell’edificio, il ponte Segafenu, simbolo della relazione tra fiume e comunità, il monte granatico, luogo storico delle economie agricole e la chiesa di San Sebastiano Martire, esempio delle trasformazioni stilistiche degli edifici di culto. Un appuntamento atteso da tutti i volontari e dai cittadini di Ussana, quale occasione per accogliere i visitatori nel nostro territorio, ricco di monumenti, storia e tradizione.
L’Amministrazione desidera ringraziare per la preziosa collaborazione:
il parroco don Valter Cabula e i volontari delle associazioni, il dirigente scolastico e gli alunni della scuola media.

Emidio Contini, Sindaco di Ussana

Manuela Sedda, Assessore Pubblica Istruzione, Beni culturali, Informazione e Spettacolo

Marirosa Contini, Assessore Igiene, sanità, commercio artigianato

Cristian Mudu, Assessore Programmazione e Bilancio, nanze, trasporti

Andrea Sarais, Assessore allo Sport

Informazioni Utili

I monumenti saranno visitabili gratuitamente.

Per la visita ai siti si consigliano abbigliamento e scarpe comode.

Le visite alle chiese saranno sospese durante le funzioni religiose.

È facoltà dei responsabili della manifestazione limitare o sospendere in qualsiasi momento, per l’incolumità dei visitatori o dei beni, le visite ai monumenti.

In alcuni siti la visita potrà essere parziale per ragioni organizzative o di afflusso.

Sarò attivo un servizio bus navetta gratuito di collegamento tra i comuni dell’Unione dei Comuni del Basso Campidano.

  • Istituti Scolastici del Comune di Ussana
  • Associazioni del Comune di Ussana
  • Cittadini volontari