Bitonto è terra dove gli ulivi corrono verso il mare e all’interno ci si apparenta ai territori brulli di una Murgia silenziosa. Città storica, importante, attraversa tutte le fasi storiche, dall’antichità all’evo moderno, attraversando epoche, imperi, avvenimenti storici importanti. Dal Neolitico all’Unità d’Italia. Tracce evidenti del passato.  Bitonto è forte come gli ulivi che ne sono segno distintivo del paesaggio rurale. La città, recita il motto araldico, si affida all’ulivo come emblema di pace e simbolo di apertura e accoglienza. Città accogliente e stupefacente con i suoi monumenti simbolo: la Cattedrale romanica del XIII secolo, le Chiese, i Palazzi Signorili, le Corti, le Piazze, le Mura, il Torrione. Bitonto è forte, il suo paesaggio desta meraviglia perché suscita emozioni in chi ha voglia di scoprirla piano piano. A vederla da fuori, con la lama che la cinge e le mura medioevali a protezione, con le guglie delle chiese a toccare il cielo, la città richiama il visitatore ad un viaggio nella storia e nella cultura. Personaggi famosi vi sono nati: un musicista che ha contribuito nel XVIII sec. a rinnovare la musica colta e far nascere il melodramma; un matematico del 600, coevo dei giganti del pensiero moderno, che ebbe la sfrontatezza di rivaleggiare con Leibniz sulle dimostrazioni di Euclide.
Bitonto è questa: una città straordinaria che da comprimaria di lusso ha messo il proprio sigillo sulla storia con la S maiuscola.
Venite a Bitonto, ve ne renderete conto.

Sito ufficiale del Comune di Bitonto

Scarica la cartina sfogliabile

Informazioni Utili

Iniziative speciali

Gusta la città
Eventi

I Monumenti