Pabillonis è un Comune della Provincia del Sud Sardegna situato nel centro-nord della pianura del Campidano. Compreso tra i due corsi d’acqua naturali “Flumini Malu” e “Flumini Bellu”, era conosciuto come “sa bidda de is pingiadas” (il paese delle pentole) per la lavorazione delle terre cotte, in particolare pentole, brocche, tegole, vasellame e altri utensili diventati simbolo di cucina sana e souvenir tipici. La lavorazione della terra cotta si affermò fin dal XVII secolo grazie all’abbondanza della materia prima, l’argilla, reperita facilmente lungo gli argini del fiume. L’economia pabillonese è legata prevalentemente al settore agropastorale e alle tradizioni. Negli anni ’80, nella via Sardegna (inserita nel percorso), è stato realizzato il monumento delle pentole “Is Pingiadas”, un’opera molto caratteristica realizzata in calcestruzzo che rappresenta il simbolo del paese.
All’interno del paese è possibile ammirare due chiese storiche. Una è la Chiesa Parrocchiale, Beata Vergine della Neve, risalente al XVI secolo come si evince dalle testimonianze storiche dirette e indirette. L’altra è l’antica Chiesa di San Giovanni Battista, nell’omonima piazza, risalente al XIV secolo, in origine Chiesa Parrocchiale. Una terza chiesa, con ampio sagrato, di recentissima costruzione, è intitolata invece alla Madonna di Fatima.
La civiltà nuragica ha lasciato come più importanti testimonianze il nuraghe di “Santu Sciori” e il nuraghe “Fenu”. Attualmente questi siti e altri di origine romanica sono oggetto di studio e di valorizzazione.
Nel centro storico, ristrutturate e rese fruibili, insieme alle diverse antiche abitazioni private, trovano spazio due antiche abitazioni tipiche in terra cruda, la Casa Museo e la Casa Matta.

Il sito ufficiale del Comune di Pabillonis

Visualizza la cartina sfogliabile

Benvenuti !

Nel rivolgere a tutti un saluto per conto dell’intera Amministrazione Comunale, mi è gradito manifestare grande soddisfazione per questo importante evento e per il significato che si attribuisce al primo appuntamento di “Monumenti Aperti”, a cui questa Amministrazione ha aderito.
Questo evento contribuisce al raggiungimento di un importante obiettivo, la valorizzazione storico – culturale del nostro Paese, che è fondamentale mettere in risalto.
Pabillonis rappresenta, infatti, un insieme abbastanza ricco di memorie e di testimonianze legate all’intero territorio, che costituiscono un ragguardevole patrimonio ancora da scoprire anche per molti concittadini.
I visitatori saranno accompagnati lungo un itinerario che lambisce i principali punti di interesse storico, artistico e culturale presenti nel territorio comunale, che sarà interessante scoprire e conoscere in modo dettagliato.
Tutto questo vedrà il coinvolgimento dei nostri giovani frequentanti le scuole elementari e medie, nelle vesti di guide turistiche; offrirà loro l’occasione di vivere un’esperienza formativa unica. Parteciperanno, inoltre, diverse associazioni culturali, sportive, la consulta giovanile, gli artigiani locali, gli operatori economici, i rappresentanti dell’istituzione scolastica e la Parrocchia in uno sforzo comune di sensibilizzazione culturale, finalizzato al recupero della memoria collettiva.
Rivivere il passato attraverso l’accesso ai vari siti, rappresenta un momento culturale, nonché una valida educazione umana e civile. I beni, i documenti e tutto il patrimonio in generale, cessano di essere dei semplici oggetti, acquistando significati e diventando simboli della cultura e della vita storica della nostra comunità.
Attingere ai valori più autentici del passato può tradursi in un nuovo impulso alle nostre coscienze.

Il Sindaco, Riccardo Sanna
e l’Amministrazione Comunale

Informazioni Utili

Iniziative speciali

Eventi
Gusta la città

I monumenti