Qualche cenno sull'argomento:

Il molino di lavorazione del grano è situato nella via Roma ed è quello aperto tra la fine degli anni ‘40 e primi anni ‘50 da Luigi Mascia e dal socio Costantino Bocchiddi. I macchinari in legno, la macina in pietra, i setacci sono stati restaurati e rimessi in funzione nell’edificio che lo ha sempre ospitato. Il molino si distingue come elemento centrale per poter riattivare la tradizionale filiera del grano valorizzando i prodotti e i saperi locali: dalla coltivazione del grano, alla molitura, ai panifici e pastifici, tutti elementi caratteristici del territorio di Settimo e della sua economia.

Molinu Antigu

Su Molinu po su trigu, abertu spacendi is annus ‘40 e primitziendi is annus ‘50, gràtzias a Luigi Mascia e Costantino Bocchiddi, s’agatat in bia Roma. Is machinàrius de linna, sa mola de perda, is sedatzus funt torraus a nou, e ddus ant torraus a fai partiri in su fàbricu a nca s’agatànt. Su Molinu est de importu mannu po pòdiri mandai a innantis sa manera traditzionali de fai su pani, partendi de is matèrias primas e de sa connoscèntzia de su logu: su manixu de su trigu, su molìngiu, is forrus, po pani e pasta, funt is arrèxinis de su territòriu de Sètimu e de s’economia sua.