Qualche cenno sull'argomento:

La Biblioteca Comunale, fondata nel 1857, conserva un patrimonio librario di oltre 24.000 volumi, di cui 5.000 appartengono al fondo antico, in gran parte proveniente dall’ex Convento dei Cappuccini, 29 sono i manoscritti del ‘500, ‘600, ‘700 e ‘800. La maggior parte delle edizioni, essenzialmente opere di diritto canonico, sono in latino, italiano e spagnolo, delle quali una è il Dictionarium latino del bergamasco Ambrogio Calepino del 1581 e un’altra è la traduzione in castigliano dall’italiano delle Costituzioni dei frati minori Cappuccini, stampata a Madrid nel 1644. Un patrimonio d’inestimabile valore, al punto che la Regione ha accolto la richiesta per inserire la nostra biblioteca nel Polo del Sistema Bibliotecario Nazionale. Dopo vari trasferimenti, atti a garantire la tutela e la conservazione dei testi, il patrimonio librario ha trovato ora, la giusta sistemazione nel primo piano dell’ex Convento dei Carmelitani. Nella stessa sede è situato l’Archivio Storico, con i suoi documenti che custodiscono la memoria storica della comunità. Anche il Centro di Documentazione delle sette Città Regie, di prossima apertura avrà la sua sede nel Convento.