Qualche cenno sull'argomento:

Il territorio di Settimo è ancora caratterizzato dalla presenza di un importante patrimonio abitativo tradizionale. Dal punto di vista strettamente tipologico domina la casa a corte, con il portale d’accesso che introduce alla grande corte delimitata dai magazzini, i ricoveri per gli animali, lo spazio per il forno e la casa d’abitazione ‘protetta’ dal loggiato (lolla). La tipologia abitativa era strettamente legata all’attività lavorativa con varianti complesse dovute sia alla presenza di proprietari terrieri che ad un successivo processo di urbanizzazione cittadina: dalla casa-fattoria, luogo delle attività non campestri, si passa al palazzetto dove l’aspetto abitativo predomina.

Il percorso prevede visite guidate a due delle più interessanti case ‘padronali” di Settimo. La prima, Casa Baldussi, già Casa Pilleri, situata nella via Garibaldi, è attualmente abitata. Divisa in due parti per motivi ereditari, è stata riunita e recuperata mantenendo la caratteristiche architettoniche originali, riutilizzando materiali da costruzione tradizionali e, dove necessario, introducendo elementi tecnologici della bioedilizia. La seconda, situata nella via Gramsci, apparteneva alla famiglia Dessì, di cui ha conservato il nome. La sua costruzione risale per la parte esterna al 1905/1906, mentre la parte interna è più antica. In seguito all’acquisizione da parte del Comune, avvenuta nel 1986/1987, ha subito diverse ristrutturazioni che l’hanno riportata al suo antico splendore. Inoltre sarà possibile visitare su magasinu di Pietro Dessì, tradizionale locale per la lavorazione e conservazione del vino, sito nella via Mara.

 

 

Itineràriu curtzu peri is domus campidanesas. Architetura traditzionali po bìviri

In su territòriu de Sètimu podeus agatai ancora unu patrimòniu de domus traditzionalis de importu mannu. In contu de tipologias, manna est sa presèntzia de sa domu cun su portali chi imbucat a sa corti mesana, cun agiru is magasinus, is acorrus po is bèstias, su logu po su forru e sa domu po bìviri amaparada de sa lolla. S’itineràriu s’ingollit a biri duus de is dominàrius prus de importu de Sètimu. In su primu, Domu Baldussi, a primu Domu Pilleri, in bia Garibaldi, ddoi bivint ancora. Partzia in duus po chistioni de eredeu, dd’ant torrada a nou aguantendi sa tipologia sua e imperendi materialis traditzionalis e fintzas de bio-edilìtzia. Su segundu, in bia Gramsci, fiat de is Dessì. Sa parti de foras est istètia pesada in su 1905/06 prus o mancu; sa parti de a ìnturu est prus antiga. A pustis de èssiri intrada in su patrimòniu de su Comunu, dd’ant torrada a nou, po chi torressit a sa bellesa antiga sua. In prus s’at a pòdiri biri su magasinu de Pietro Dessì, po fai e allogai su binu, in bia Mara.