Qualche cenno sull'argomento:

Nelle campagne di Settimo San Pietro, nei pressi della chiesa campestre di San Pietro, si trova una domus de janas che risale al Neolitico recente, tra la fine del quarto e la prima metà del terzo millennio avanti Cristo. È una piccola grotta artificiale costituita a un’anticamera dalla quale si accede alla cella vera e propria attraverso un’apertura quadrata. A causa di infiltrazioni d’acqua piovana e provenienti da una sorgente sotterranea, probabilmente fin dall’antichità, è stato necessario scavare davanti all’ingresso un piccolo canale per far defluire l’acqua. La tradizione popolare racconta che quest’acqua, oltre ad essere potabile, avesse proprietà miracolose in grado di sanare tutti i dolori: da qui il nome S’acua de is dolus, che significa “l’acqua che lenisce i dolori”.

Domu de Gianas de s’Àcua de Dolus

In su sartu de Sètimu, acanta de sa cresiedda de Santu Perdu, s’agatat una domu de gianas de s’època neolìtica (IV-III millènniu innantis de Cristu). Est un’aruta pitica fata de s’òmini, a duus aposentus partzius de unu muru cun un’intrada cuadrada: s’aposentu de ananti e cuddu beru, in fundu, po interrai is mortus. Po mori de s’àcua chi arribbat de una mitza asuta, incapas fintzas de s’antighidadi, est tocau a scavai unu canaleddu po dda fai sciai a foras. Si narat ca cust’àcua, chi fait fintzas a dda bufai, podessit sanai totus is dolus: de innoi ndi bessit su nòmini.