Qualche cenno sull'argomento:

La Foresteria per gli ingegneri e dirigenti della miniera, costruita a Montevecchio nel 1930 insieme al fabbricato destinato agli alloggi degli impiegati, rappresenta un complesso unitario dove gli intenti di rappresentatività sono espressi con il lessico dell’eclettismo di fine secolo; fatto di ambienti spaziosi, ariosi loggiati d’ingresso e apparati decorativi che sono tipici delle residenze urbane dei quartieri ottocenteschi delle grandi città. L’edificio, a pianta regolare, si sviluppa su tre livelli, con una regolare e simmetrica distribuzione degli spazi. Una zoccolatura in pietra caratterizza l’attacco a terra, che si conclude con una cornice alla quota d’imposta delle finestre al piano terra. Archi e lesene caratterizzano tutti i prospetti, definendo partiti e aperture. Il coronamento, sottolineato da una cornice decorata a doppia modanatura, è costituito da tetti a padiglione con struttura lignea e finiture in tegole marsigliesi. L’edificio, che non ha subìto nessun importante intervento di ristrutturazione in epoca successiva all’edificazione, venne chiuso nel 1991. Attualmente la Foresteria ospita, in alcuni suoi locali, una splendida collezione di diorami (Collezione Dellaca’), riproducenti la vita mineraria in varie epoche. Uno splendido percorso didattico di impareggiabile intereresse che stimola e affascina il visitatore, guidandolo in un entusiasmante viaggio nel mondo minerario.