Qualche cenno sull'argomento:

Il Nuraxi Fenu è un nuraghe pentalobato di grandi dimensioni, che si estende per una superficie di circa 2000 m2. Era costituito da un antemurale che in origine circoscriveva un villaggio di capanne sorto attorno al monumento centrale. Il Nuraghe è stato riportato alla luce circa 20 anni fa.

Durante gli scavi, mai effettivamente completati, furono ritrovati frammenti di ceramica romana ed una moneta databile al III secolo d.C.. L’Angius lo considerava uno tra i più grandi conosciuti in Sardegna. È stato riconosciuto dal M.I.B.A.C.T. nel 2015 come Bene Culturale Archeologico.

S’ena e su Zimini è un insediamento con annessa tomba nuragica. Si rileva in luogo la presenza di massi di basalto ben lavorati a martellina, di forma trapezoidale. Dalla configurazione dei massi si ipotizza potesse essere una tomba megalitica collettiva, anche per la quantità di ossa umane recentemente riaffiorate.