Qualche cenno sull'argomento:

Il terzo piano del museo Casa Deriu ospita l’esposizione permanente dedicata all’artista bosano Melkiorre Melis, donata dagli eredi al Comune di Bosa nel 1989. Melkiorre Melis fu uno dei più importanti esponenti dell’arte e della comunicazione, in ambito nazionale, del periodo fascista. Attraverso questa collezione si ha una conoscenza della produzione del più importante ed eclettico pittore bosano, che comprende, oltre ai quadri, anche manufatti di varia ispirazione. Sono numerose le opere esposte, in quanto l’artista si è dedicato anche alla creazione di mobili, oggetti e ceramiche. La visita alla pinacoteca consente di ammirare i grandi lavori compresi gli studi per ceramiche a muro e le realizzazioni artistiche risalenti agli anni 1934-1941 in cui egli diresse a Tripoli la Scuola Artigiana di Ceramica Libica, che rappresentò il centro culturale dell’Italia nella colonia. La pinacoteca conserva anche fotografie, lettere e copertine di giornali di cui curò l’aspetto artistico. Si possono apprezzare anche alcune delle sue realizzazioni grafiche, come i poster per i concorsi ippici di Roma e Chilivani e le Proposte per l’artigianato sardo. Negli ultimi anni della sua vita l’artista si dedicò esclusivamente alla pittura e nelle sale sono esposti alcuni quadri che rappresentano la Sardegna e la Bosa della sua infanzia. Abbracciando dunque le molteplici espressioni dell’arte, Melis si distinse dagli altri artisti sardi suoi contemporanei.