Qualche cenno sull'argomento:

Passato e presente. Rovine che hanno ingannato il tempo, e vi guideranno in un’epoca in cui fioriva una rigogliosa città. Gli scavi archeologici hanno riportato alla luce una complessa rete di edifici, tra i quali spiccano il suggestivo teatro, il complesso termale, i mosaici delle case signorili e l’antico tempio di Tanit. Punici, Fenici, Cartaginesi e Romani: furono questi i popoli che si contesero questo piccolo lembo di terra, donandogli una bellezza senza tempo. Il suo ruolo storico, l’interesse monumentale e il paesaggio nel quale è immersa, rendono Nora uno dei luoghi più significativi e simbolici del Mediterraneo.

A destra della strada che porta al mare sorge il quartiere del mercato alimentare della città, il Macellum e anche deposito di derrate (horreum pubblico) data anche la sua vicinanza al porto occidentale. Il macellum, edificato tra la fine del II secolo d.C. e gli inizi del III secolo d.C., mostra una struttura rettangolare, utilizzata prevalentemente per attività commerciali e produttive e circondata da botteghe. Il complesso presenta un’ampia corte centrale, intorno alla quale si dispongono ambienti di varie forme e dimensioni, in parte aperti sulle vie che costeggiano l’isolato.