Olbia 2017

Isolato Punico-Romano

, , , ,

In età punica l’area, situata all’interno e a ridosso delle mura di cinta, venne utilizzata sia come quartiere abitativo sia per attività artigianali. Le testimonianze archeologiche evidenzianoinfatti la presenza, a nord-ovest delle abitazioni, di un’officina ceramica che verso la fine del IV secolo a.C. produceva anfore. Il sito continuò a essere abitato in età romana, [...]

Torre di Avvistamento Punica

, , , ,

Portorotondo, ormai da alcuni anni, si contraddistingue per la presenza di un unicum archeologico che, ad oggi, non trova confronti nel Mediterraneo occidentale. Il monumento, ubicato a Punta Su Nuraghe, fu da sempre ritenuto un nuraghe, ma lo scavo archeologico integrale ha portato alla luce una torre cilindrica in grandi blocchi di granito sagomati, riempita [...]

Tomba dei Giganti di Su Monte‘e s’Ape

, , , ,

La tomba dei giganti di Su Monte e S’Ape, tipico monumento funerario di età nuragica, fu oggetto di scavo nel 1968. Si tratta di una tomba collettiva, considerata una delle più importanti della Sardegna per dimensioni. È composta da: un corridoio di sepoltura, coperto con lastre orizzontali, nel quale venivano deposti i defunti e uno [...]

Centro storico – Carreras Bezzas

, , ,

Il centro storico, caratterizzato da un impianto urbanistico ortogonale risalente alla nascita della città, fu il cuore pulsante di Olbia in epoca giudicale. A tale periodo dovrebbe risalire la seconda cinta muraria, di cui è stato individuato un tratto durante uno scavo in via Garibaldi. Le case delle vie del centro, carreras bezzas, risalgono al [...]

Terme Romane

, , , ,

In età romana Olbia era dotata di due impianti termali: uno situato nel cuore antico della città, tra via delle Terme, Corso Umberto I e via Santa Croce, l’altro in prossimità del lato settentrionale dell’antica cinta muraria, scoperto durante uno scavo effettuato in via Nanni (fronte scuole medie E. Pais). Per il primo impianto, databile [...]

Pozzo sacro “Sa Testa”

, , , ,

Il pozzo sacro di Sa Testa, scavato nel 1938 e restaurato alla fine degli anni ’60, è uno dei luoghi di culto più noti della Sardegna nuragica. Il pozzo, databile al Bronzo Finale (XII-XI secolo a.C.), è costituito da un ampio cortile circolare, in cui probabilmente si svolgevano i rituali sacri, un piccolo vestibolo di [...]

Porto antico, Foro romano e Chiese gemelle

, ,

Il complesso archeologico del porto antico e situato al di sotto dell’attuale lungomare di via Principe Umberto e via Genova. Durante gli scavi del 1999 e 2001, sono state rinvenute 24 navi di cui due di eta neroniana - vespasianea, 11 del periodo vandalico e 6 di epoca medievale. Di fronte all’area di scavo sopra [...]

Museo Archeologico

, , , ,

Dal punto di vista architettonico l’edificio simboleggia una nave ormeggiata in porto, in ragione sia del contesto urbano portuale nel quale l’opera si inserisce sia del ruolo storico e culturale di Olbia. I reperti archeologici illustrano l’intera vicenda storica della città antica e del territorio circostante, dalla preistoria al XIX secolo, con particolare riferimento alle [...]

Chiesa Romanica di San Simplicio

, , , ,

L’area su cui sorge la chiesa romanica di San Simplicio cela precedenti fasi di culto extraurbano, prima forse fenicio poi greco, punico, romano e paleocristiano, come ben dimostra il sito archeologico visitabile nel sottosuolo della piazza antistante. L’ex cattedrale del Giudicato di Gallura è intitolata al culto di Simplicio, patrono della città di Olbia e [...]

Vedi Altri