Nel fine settimana del 23 e 24 novembre Monumenti Aperti rifarà tappa in Puglia.
Dopo il grande successo dello scorso anno nella città di Bitonto, la manifestazione sarà quest’anno riproposta in ben quattro comuni, tutti appartenenti al GAL Fior d’Olivi: 3 le amministrazioni new entry Giovinazzo, Modugno,  Terlizzi e, naturalmente, Bitonto.

Almeno mille gli studenti che saranno coinvolti, provenienti dalle scuole di ogni ordine e grado dell’area metropolitana di Bari, che saranno affiancato da oltre 200 volontari in rappresentanza dell’associazionismo locale.

Tra il mare e le grandi estensioni di terreni coltivati a olivo, Monumenti Aperti diventa allora occasione per raccontare, tra tradizione e modernità, lo straordinario valore sociale ed economico della produzione olearia. E lo farà proprio nei giorni della raccolta e nei luoghi in cui le olive vengono lavorate, i frantoi. Si potranno visitare quelli storici e quelli più recenti e scoprire tutti i passaggi attraverso i quali dalle olive si arriva ai pregiati oli extravergine.

Con il weekend pugliese si chiude la XXIII edizione della manifestazione e si inizia già a pensare all’organizzazione della prossima edizione.