Giovedì 18 giugno il Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini, è intervenuto insieme al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte agli Stati Generali dell’economia e ha ribadito:

Cultura e turismo sono strategici per il rilancio del Paese, sono ottimista sulla ripresa

Nel corso del suo intervento il Ministro Franceschini ha ricordato tutte le misure emergenziali prese in questi mesi per il turismo e la cultura, a partire dall’estensione del sistema di ammortizzatori sociali di cui i due settori erano sprovvisti, fino ai circa 5 miliardi destinati al sostegno dell’offerta e della domanda turistica nazionale.

Inoltre il Ministro ha sottolineato che con questa crisi il Paese ha preso piena consapevolezza di quanto siano importanti per l’Italia la cultura e il turismo, che insieme fanno il 20% del PIL, questo rende evidente l’importanza economica di questi due settori e permette di rivendicare centralità nelle misure da prendere e nelle strategie del Paese.

Lo si è capito bene quando si è compreso cosa vogliono dire le nostre vite senza l’offerta culturale, senza teatri, cinema, concerti, musica e lo si è capito ora ritrovando le nostre città senza turisti. Fino a pochi mesi fa il problema era gestire la crescita impetuosa del settore del turismo, al punto di ipotizzare misure di emergenza per fronteggiare il sovraffollamento.

Giovedì 25 giugno, alle 8,30, il Ministro Dario franceschini continuerà l’audizione in commissione Cultura del Senato per la replica ai componenti della 7a che erano intervenuti durante la prima parte dell’audizione, svoltasi lo scorso 9 giugno. Nel corso del suo intervento, Franceschini aveva illustrato le linee guida che indirizzeranno le prossime misure per il settore culturale, tra i più colpiti dalle azioni di contenimento del contagio da coronavirus: sostegno ai comparti più lenti a ripartire, allargamento dei contributi per soggetti per extra Fus e spettacolo viaggiante, contributi maggiori alle produzioni cinematografiche e audiovisive interrotte causa Covid-19.

 

LEGGI L’ARTICOLO SUL SITO DEL MIBACT

LEGGI L’ARTICOLO SU AG|CULT