In vista del preannunciato maltempo previsto per sabato 26 e domenica 27 settembre, l’Associazione Culturale Imago Mundi ha deciso, in accordo con il Mibact, con l’Università di Cagliari per l’orto botanico e con il Comune di Cagliari per l’orto dei cappuccini, di rinviare al prossimo weekend, sabato 3 e domenica 4 ottobre, l’evento “Coltivare l’orto dei saperi”, organizzato in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio.
Le prenotazioni rimangono confermate, salvo una disdetta via mail da parte dei visitatori, pertanto confermiamo il sold out. Se si dovesse liberare qualche posto, ne daremo comunicazione via web e via social.

LA MANIFESTAZIONE

Sabato 26 e domenica 27 settembre si terranno anche in Sardegna le Giornate Europee del Patrimonio, edizione 2020 (European Heritage Days) voluta dal Consiglio d’Europa, dalla Commissione Europea e promossa dal Programma Europa creativa fin dal 1985.

L’Associazione Imago Mundi, in collaborazione con l’ Università di Cagliari e il Comune di Cagliari, partecipa alla manifestazione con una iniziativa, realizzata con il supporto dei 6 volontari del Servizio Civile Universale, dal titolo Coltivare l’orto dei saperi, un percorso guidato in due orti storici della città di Cagliari, l’Orto dei Cappuccini e l’Orto Botanico, per scoprire i legami che tradizionalmente uniscono le comunità umane alle comunità vegetali e riflettere sulla trasformazione paesaggistica dei due siti da rurali a urbani.

Le visite si terranno sabato 3 ottobre all’Orto dei Cappuccini a partire dalle ore 17 alle ore 19 e domenica 4 ottobre all’Orto Botanico, dalle ore 10 alle 12.

L’ingresso è gratuito. All’Orto Botanico i visitatori potranno entrare a gruppi di dieci persone ogni 20 minuti; all’Orto dei Cappuccini l’ingresso sarà contingentato ogni mezz’ora per un massimo di 15 persone a turno.
Tutte le prenotazioni per le visite guidate ai due orti storici della città sono SOLD OUT.
Informazioni al numero 3401052039 o all’email dedicata imago.gep2020@gmail.com

Nell’Orto dei Cappuccini, realizzato nel 1595, si riporterà alla memoria l’educazione al lavoro della terra rievocando storie e racconti di una delle realtà agricole presenti all’interno della città, con la finalità di porre attenzione alle dinamiche di trasformazione della società e alla necessità attuale di adottare stili di vita sostenibili.

Nell’Orto Botanico, che celebra i suoi 154 anni di vita ed è stato inserito nella lista dei 20 Giardini botanici più belli del pianeta, ci si focalizzerà su tre temi a forte valenza educativa: l’uso terapeutico delle piante, la coltivazione tradizionale dell’orto, la conservazione e tutela della biodiversità. L’obiettivo educativo è di far emergere la correlazione tra salute ambientale e benessere delle comunità umane.

L’intento dei due percorsi è quello di far conoscere e di far scoprire al visitatore gli usi della flora nella tradizione sarda, nella medicina, nella vita quotidiana e sottolineare quanto sia fondamentale salvaguardare la biodiversità che caratterizza il nostro territorio, per il bene comune e per un futuro migliore.

Rievocando le consuetudini e le tradizioni passate si vuole dare rilievo a tematiche quasi perdute nella memoria della comunità odierna, soprattutto quella cittadina, ponendo l’accento anche sull’importanza della biodiversità e del patrimonio naturalistico del territorio locale. La Sardegna, infatti, la terra emersa più antica d’Europa, è espressione di un elevato numero di specie spontanee e soprattutto endemiche che rendono il patrimonio botanico locale un unicum dell’area mediterranea.

Le Giornate Europee del Patrimonio Culturale “#EuropeanHeritageDays” (EHD) dureranno fino a fine ottobre. Oltre 70.000 saranno gli eventi realizzati con un affluenza prevista di 30 milioni di visitatori.

Ulteriori info sulla manifestazione a livello europeo/italiano le trovate al seguente link: http://musei.beniculturali.it/notizie/notifiche/giornate-europee-del-patrimonio-2020

Nel rispetto delle normative espresse a livello nazionale, regionale e comunale per contrastare la diffusione del Covid-19, la manifestazione adotterà le seguenti misure:
  • L’accesso agli orti storici di Cagliari in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio sarà controllato dai volontari della manifestazione, dotati di mascherina e gel disinfettante, a disposizione dei visitatori.
  • I volontari gestiranno gli ingressi affinché venga rispettata la capienza massima stabilita per il singolo spazio, determinata sulla base della metratura e delle specifiche caratteristiche.
  • I volontari controlleranno che i visitatori all’interno dei giardini indossino correttamente la mascherina e mantengano un comportamento adeguato.
  • I visitatori indosseranno la mascherina all’interno degli spazi e nelle eventuali code che potrebbero formarsi fuori dagli ingressi, dove dovranno rispettare le adeguate distanze interpersonali (minimo un metro).
  • Conclusa la manifestazione, gli organizzatori conserveranno i dati e i recapiti degli iscritti per 14 giorni, come richiesto dall’attuale normativa riferita al settore eventi.

L’associazione Culturale Imago Mundi ringrazia sin da ora i volontari e i visitatori, che sicuramente sapranno dimostrare attenzione e sensibilità, nella consapevolezza che è necessario l’impegno di tutti per vivere insieme questa bella esperienza, in un’atmosfera serena e sicura.