Il 15 settembre il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Nunzia Catalfo, ha firmato il decreto attuativo del Registro unico nazionale del Terzo settore (Runts). Con la nascita del Registro unico nazionale, pubblico e telematico, che sostituirà una miriade di registri locali, si concretizza uno dei tasselli fondamentali della riforma del Terzo settore avviata nel 2016. Ma che cosa succede adesso per le centinaia di migliaia di organizzazioni, tra associazioni, onlus, enti e tutte le forme in cui il non profit si è strutturato finora?

I tempi

A che cosa serve iscriversi

Come ci si iscrive

Che cosa serve

 

LEGGI L’ARTICOLO DI FAUSTA CHIESA SUL SITO DEL CORRIERE