L’impegno è di ripartire il prima possibile e lavorare perché la cultura e la bellezza siano il vero motore della ripresa del paese” – ha detto Franceschini uscendo dal Quirinale dopo il giuramento.

Dario Franceschini ha giurato come ministro per i Beni e le attività culturali e il turismo nelle mani del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. In un secondo momento il Turismo sarà scorporato dai Beni culturali e il dicastero sarà affidato a Massimo Garavaglia.

LEGGI TUTTA LA NEWS SUL SITO DI AG|CULT

Soddisfatte le associazioni per la sua conferma, ma dai lavoratori dello spettacolo arrivano proteste e l’annuncio di una manifestazione nazionale per il 23 febbraio.

“Spiace che il premier Draghi abbia riconfermato alla Cultura, Dario Franceschini, un ministro che in un anno di blocco totale del nostro comparto ha fatto davvero poco. Alla maggior parte di noi non sono arrivati ristori o sono arrivate miserie. Perché non avviare protocolli di sicurezza tali da rendere fruibile lo spettacolo in modo da non creare un vuoto che difficilmente potrà essere sanato?” Così Elio Balbo, portavoce torinese di Lavoratori e Lavoratrici dello Spettacolo.

LEGGI TUTTA LA NEWS SU ANSA.IT

Così commenta il Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini, in seguito alla comunicazione all’aula del Senato del Presidente del Consiglio:

La cultura è tra i pilastri dell’agenda di Draghi. Il richiamo del Presidente Draghi al ruolo dell’Italia come  grande potenza culturale indica con chiarezza quale sarà l’orientamento dell’azione governativa in questa difficile situazione, così come le indicazioni al dovere di promuovere la cultura insieme alla formazione e all’educazione; alla necessità di una maggiore consapevolezza del nostro primato culturale; alla opportunità di investire sulla transizione culturale partendo dal patrimonio identitario umanistico, sull’accesso paritario alla formazione ambientale, sulla manutenzione del territorio e sulla capacità di preservare e tutelare le città d’arte, i luoghi e le tradizioni come chiave di una crescita economica sostenibile

LEGGI LA NOTA DELL’UFFICIO STAMPA MIBACT