In occasione della Giornata nazionale del Paesaggio di domenica 14 marzo è stato assegnato dal ministero della Cultura il Premio Nazionale del Paesaggio al progetto “La biodiversità dentro la città – la Valle d’Astino di Bergamo”. Il progetto, selezionato tra le 96 proposte presentate, è stato premiato con una stampa dell’architetto e incisore Luigi Rossini (Ravenna 1790 – Roma 1857) dall’Istituto Centrale per la Grafica e costituirà la candidatura italiana alla VII edizione del Premio del Paesaggio del Consiglio d’Europa. Sono state assegnate inoltre una menzione speciale, 9 menzioni e 5 segnalazioni.

Il Premio Nazionale del Paesaggio è un importante riconoscimento che il Ministero attribuisce agli attuatori di buone pratiche per la qualità del paesaggio e della vita delle comunità locali, capaci di testimoniare le potenzialità del Patrimonio culturale del nostro Paese attraverso la creazione di economie sostenibili e la diffusione e la divulgazione di valori etici e culturali, in coordinamento con le procedure previste per il Premio del Paesaggio del Consiglio d’Europa.

La Giornata nazionale del Paesaggio è stata istituita nel 2016, con Decreto ministeriale 7 ottobre 2016 n. 457, con l’obiettivo di “promuovere la cultura del paesaggio in tutte le sue forme e a sensibilizzare i cittadini sui temi ad essa legati, attraverso specifiche attività da compiersi sull’intero territorio nazionale mediante il concorso e la collaborazione delle Amministrazioni e delle Istituzioni, pubbliche e private”.

Dobbiamo sempre pensare alla grande lungimiranza dei nostri padri costituenti – ha aggiunto il ministro Dario Franceschini – che iscrissero nell’articolo 9, tra i principi fondamentali, non soltanto la tutela del patrimonio storico e artistico della nazione, ma anche la tutela del paesaggio. Pensiamo quale capacità di visione aveva quella generazione di politiche e di politici nell’immaginare il futuro. Per questo nel 2016 abbiamo istituito la Giornata Nazionale del Paesaggio, che è un modo per organizzare una competizione virtuosa tra progetti, per tenere vivo questo tema e di partecipare alla selezione europea che si svolge successivamente. È un riconoscimento importante, è una prova di come noi in molti settori siamo all’avanguardia. Dobbiamo essere orgogliosi – ha concluso Franceschini – perché la tutela del paesaggio è uno dei settori su cui l’Italia è più avanti di molti altri Paesi.

Fra le 9 menzioni assegnate per il Premio nazionale del paesaggio 2021 ritroviamo anche “Longevitas Mandrolisai. La Sardegna è bella dentro. Ecomuseo del territorio” presentato dai Comuni di Atzara, Meana Sardo, Ortueri e Sòrgono.

LEGGI TUTTA LA NEWS SUL SITO DI DG TURISMO ITALIA NEWS