Il Piano Nazionale di ripresa e resilienza che oggi il Presidente Draghi ha presentato al Parlamento destina oltre 6 miliardi di euro alla cultura. Gli interventi sono fondamentali nell’azione di ripartenza del Paese.

Con 6,675 miliardi di euro si mira ad incrementare il livello di attrattività del sistema culturale e turistico del Paese attraverso la modernizzazione delle infrastrutture, materiali e immateriali.
Gli investimenti previsti per la cultura ammontano nel complesso a 4,275 miliardi di euro a cui si sommano nel Fondo Complementare gli investimenti del ‘Piano Strategico Grandi attrattori culturali, per 1,460 miliardi di euro, finalizzati al finanziamento di 14 interventi.

La cultura guiderà la ripartenza del Paese. – Commenta il Ministro della Cultura, Dario Franceschini – Il Recovery plan introduce risorse fondamentali che dimostrano come la cultura sia al centro delle scelte di questo governo. Da interventi sui grandi attrattori culturali nelle città metropolitane a una grande operazione di rilancio dei borghi, all’intervento sulla sicurezza antisismica dei luoghi di culto, alla digitalizzazione, alla creatività e al potenziamento dell’industria cinematografica.

Ecco le principali misure:

  • 1,1 Miliardi di euro per il patrimonio culturale per la prossima generazione
  • 2, 720 Miliardi di euro per la rigenerazione dei borghi, sicurezza sismica, patrimonio culturale, rurale e religioso
  • 455 Milioni di euro per industrie culturali e creative 4.0, sviluppo dell’industria cinematografica: da Cinecittà al Centro sperimentale
  • 1,460 Miliardi per grandi attrattori culturali rivolti a 14 interventi strategici

VAI ALLA PAGINA DEDICATA DEL MIC

LEGGI L’ARTICOLO SU AG|CULT