Lunedì 31 maggio si è accesa ITsART, la nuova piattaforma che celebra e promuove la cultura, le arti, la creatività e la bellezza italiana. ITsART, voluta dal Ministero della cultura, è dedicata a tutti coloro che amano, producono e vivono l’arte in tutte le sue forme e le sue declinazioni e proporrà al suo pubblico un vasto palinsesto di contenuti esclusivi gratuiti e a pagamento, che saranno resi disponibili anche su scala internazionale.

E’ la piattaforma voluta dal ministero dei Beni culturali Dario Franceschini, per promuovere la cultura italiana attraverso contenuti on demand che spazieranno dai concerti ai musei, fino ad arrivare alle visite digitali ai luoghi iconici dell’Italia. La società è controllata al 51% da Cassa depositi e prestiti e al 49% dal gruppo Chili tv, che si occupa della distribuzione di contenuti audiovisivi.

“La Netflix della cultura italiana”, così l’aveva definita il ministro Franceschini. In realtà la piattaforma offrirà contenuti singoli a pagamento e non un servizio in abbonamento mensile o annuale. La società ha annunciato che saranno disponibili oltre 700 contenuti di cultura già dalle prime settimane dal lancio. ItsArt punta in particolare al mercato estero: attraverso la sua tecnologia, che permette una distribuzione in modalità live streaming e on demand, sarà possibile superare i confini ed estendere le platee, aprendo una nuova fase della fruizione di contenuti artistici e culturali ovunque nel mondo.

“Le potenzialità della rete sono straordinarie, questo è un modo nuovo di offrire la cultura italiana, il cinema, il teatro, la danza, la musica, le mostre, i musei, gli eventi, i concerti. Itsart è un palcoscenico virtuale che si aggiunge a quello reale per moltiplicare il pubblico, nella consapevolezza che la fruizione digitale non potrà mai sostituirsi a quella dal vivo.” Lo dichiara il Ministro della cultura Dario Franceschini in occasione del lancio di ITSART, la nuova piattaforma digitale che da oggi proporrà lo spettacolo e la cultura italiana, live, registrata, gratis e a pagamento, in Italia e nel mondo.

LEGGI L’ARTICOLO SU AG|CULT

LEGGI L’ARTICOLO SU WIRED.IT

VAI AL SITO ITSART.TV