Nel 2021, le Giornate europee del patrimonio celebrano il patrimonio inclusivo e diversificato, attraverso il tema comune del patrimonio di, da e per tutti.
A causa delle incertezze causate dalla pandemia di Covid, la notizia è passata in silenzio, ma l’organizzazione dietro le Giornate Europee del Patrimonio ha già da tempo presentato il tema 2021 per l’evento: Heritage All-Inclusive! Quest’anno, le Giornate del Patrimonio sottolineano l’aspetto dell’inclusività e della diversità nell’esperienza del patrimonio.
Il patrimonio ha una capacità inerte di riunire le persone su una storia condivisa e interessi condivisi. Le Giornate del Patrimonio ne sono il miglior esempio e hanno riunito centinaia di migliaia di persone per celebrare e godersi insieme i siti più stimolanti di tutta Europa.
Tuttavia, la diversità e l’inclusione delle minoranze sono state carenti. Ciò in un modo che ha ritenuto opportuno che la Commissione europea affrontasse il problema e ha incoraggiato organizzazioni e siti a garantire che le loro attività includessero quante più persone possibili.

Le Giornate Europee del Patrimonio (EHD) sono un’iniziativa congiunta del Consiglio d’Europa e della Commissione Europea. Sono stati un pilastro dal 1999 e sono l’evento culturale partecipativo più celebrato in Europa.
La natura paneuropea del programma EHD contribuisce a riunire i cittadini e a sottolineare la dimensione europea del patrimonio culturale nei 50 Stati firmatari del Convenzione culturale europea.

La forza delle Giornate europee del patrimonio è sempre stata la sua capacità di riunire le persone per apprezzare il ricco patrimonio e la cultura a portata di mano. Durante il 2021 e oltre, vogliamo garantire che questo possa includere quante più persone diverse possibile.
In preparazione a questo tema pan-continentale, i team #EuropeanHeritageDays di Doors Open Days (Scozia) e Heritage Open Days (Inghilterra) hanno messo insieme uno speciale kit di strumenti per eventi inclusivi da sviluppare, offrire e valutare come eventi #EHDs inclusivi.

LEGGI LA NEWS SU HERITAGE TRIBUNE