Il 16° Festival Tuttestorie di Letteratura per Ragazzi “DIETRO LA CURVA C’È L’INFINITO. Racconti, visioni e libri vagamondi”, arriva a Cagliari dal 7 al 10 ottobre, con un’anteprima a Giorgino il 3 ottobre e la prosecuzione del programma scuole sino al 15 ottobre fra Cagliari, Monserrato, Quartu S.Elena, i Sistemi Bibliotecari Interurbano del Sulcis e Sarcidano-Barbagia di Seulo, le biblioteche di Gonnesa, Iglesias, Ruinas e il Centro Servizi Culturali U.N.L.A di Macomer. L’ideazione e l’organizzazione sono della Libreria per Ragazzi Tuttestorie, con il contributo di idee e testi di Bruno Tognolini e Nicoletta Gramantieri e di altri 80 ospiti fra autrici, autori, illustratrici, illustratori, esperte ed esperti di letteratura per l’infanzia, artiste e artisti. 

Circa 400 appuntamenti fra attività rivolte alle scuole e al pubblico di bambine e bambini, ragazze e ragazzi e adulti, con 7.000 studentesse e studenti già iscritti dal mese di maggio.

Si partecipa alle attività aperte al pubblico su prenotazione attraverso il sito www.tuttestorie.it
Informazioni: 3663834546 –  infofestivaltuttestorie@gmail.com (Programma completo su www.tuttestorie.it)

Proprio nell’anno in cui meno si è potuto viaggiare, il festival ci condurrà in luoghi vicini e lontani grazie ai libri e alle storie. E lo farà con ancor più desiderio, curiosità e immaginazione, da un lato cercando di recuperare la bellezza e ricchezza dell’esperienza dal vivo e dall’altro cogliendo le opportunità offerte dall’utilizzo delle piattaforme digitali.  Anche l’Ufficio Poetico del Festival, quest’anno rinominato Intergalattico e curato ancora una volta da Andrea Serra, ha già iniziato la sua raccolta di pensieri sul tema del viaggio, coinvolgendo insegnanti da tutta Italia e arrivando sino a San Francisco. 

Sulle note del Canto del Viaggio, colonna sonora originale con le musiche di Antonello Murgia e i testi di Bruno Tognolini, il festival torna nella tana dell’EXMA, con la collaborazione di Camù, per poi vagabondare per la città: dal Villaggio dei Pescatori di Giorgino all’Orto Botanico, dal Parco di Molentargius, ai Giardino Pubblici, dal Porto, alla Basilica di San Saturnino, da Sa Manifattura e al Teatro Massimo.

SCARICA IL COMUNICATO STAMPA COMPLETO