«Viste le avverse condizioni meteo di questa mattina, e i danni causati dal nubifragio che si è abbattuto su Cagliari, abbiamo deciso, con grande dispiacere, di annullare le visite guidate previste per il pomeriggio. Pensiamo che questo, anche alla luce della nuova allerta lanciata dalla protezione civile, sia un atto di responsabilità per tutelare la sicurezza dei cittadini e dei “nostri” ragazzi delle scuole impegnati nei siti. In ogni caso, ci riteniamo soddisfatti, perché la splendida giornata di ieri ha riconsegnato alla città una manifestazione viva, che ha lanciato un segnale forte di ripresa e speranza rivolto al futuro”. Così Massimiliano Messina, presidente di Imago Mundi OdV, organizzatrice della manifestazione»

La venticinquesima edizione di Cagliari Monumenti Aperti, si è comunque conclusa con un’ottima risposta da parte del pubblico che segna, ancora una volta, il legame della città di Cagliari con questa iniziativa, che quest’anno è finalmente tornata in presenza.

QUALCHE DATO
Novità di quest’anno è stata l’introduzione della prenotazione online per i 14.120 posti disponibili complessivamente. Una novità ben accolta dal pubblico considerate le oltre 10.000 richieste pervenute.
Da subito sold out la Basilica di San Saturnino, la visita guidata al cimitero monumentale di Bonaria a cura di Italia Nostra, la cripta di Santa Restituta e il Museo Archeologico nei due percorsi cronologico e Giganti di Mont’e Prama. A questi si aggiungono i cinque itinerari che la manifestazione propone quest’anno: i due percorsi del Trentapiedi dei Monumenti, quello al Colle S. Elia, l’itinerario Architetture Vegetali e quello di Piazza Arsenale.
Tante le prenotazioni online anche per il giardino della Facoltà di Scienze Economiche, Giuridiche e Politiche, il MUACC (Museo Universitario di Arte Contemporanea), il Palazzo Viceregio, il Parco Naturale di Molentargius, il Parco Nervi, lo Spazio San Pancrazio.