Dal 25 dicembre al 9 gennaio tra le proposte della programmazione natalizia di Rai3, uno spazio importante è riservato alla seconda stagione di Generazione Bellezza, il programma scritto e condotto da Emilio Casalini, in onda ogni sera alle 20.25, domeniche incluse (nello spazio di Fabio Fazio). Tre puntate saranno dedicate anche alla Sardegna:

  • la prima il 2 gennaio per raccontare un paese che vive di jazz, Berchidda. Non solo di jazz ovviamente, ma come il jazz e il festival Timeinjazz sia il volano su cui l’economia di un territorio trova l’appoggio per crescere. Panettoni o grappe viaggiano con il marchio del Festival. Si tratta di una puntata che racconta agli italiani come si possa organizzare un festival che diventa solo lo strumento per una comunità di crescita, valorizzando le proprie radici, le proprie case, la propria tradizione. E mostrando che di cultura si vive.
  • Il 5 gennaio sarà la volta di Lollove, un piccolo borgo che lotta per non sparire e si reinventa come borgo dei matrimoni e dell’amore. Il nome ovviamente porta a quello. Le tradizioni e leggende perfino spingono al massimo l’argomento. Ma soprattutto mostra come la cura dei dettagli e la voglia di far vivere un angolo sperduto tra le montagne possa trasformare un mucchio di pietre (tali sono i villaggi quando sono senza persone) in una mappa di vite pronte ad essere condivise.
  • Il 7 gennaio a Mamoiada, dove la visione di un pastore ha salvato la memoria delle maschere e oggi il mamuthone è un simbolo che traina il territorio e porta turismo, ossia benessere sostenibile, in una zona famosa negli anni 80 solo per i sequestri di persona. Questa storia mostra come ciò che abbiamo intorno abbia un valore pazzesco, a partire dalla tradizione popolare. E come si possa valorizzare fino a trasformarla nell’asset centrale della brand identity su cui poi – anche qui – viaggiano i vini e tutti gli altri prodotti del territorio.

In ognuna delle 15 puntate, Emilio Casalini racconta i progetti, la volontà, le storie di singole persone o di intere comunità che, in modi diversi, lottano con creatività e coraggio per determinare il proprio destino, valorizzando il territorio e le identità che lo compongono, per generare bellezza, economia condivisa e sostenibile. Il programma, da Nord a Sud, compie un viaggio dentro luoghi e visioni, raccontando storie di un’Italia orgogliosa di se stessa, consapevole del valore della propria terra e della propria identità, che non si ferma a lamentarsi e aspettare, ma decide di agire per creare spazi dove stare bene ed essere felici. Sono storie di visioni e di coraggio per portare avanti le proprie idee quando tutti ti dicono che è impossibile, che non si può fare, che “non ha senso”. Di comunità che si riuniscono intorno a un progetto di sviluppo come opportunità per diventare ognuno il volano dell’altro. Crescere nelle differenze, ma nel rispetto degli altri e del territorio con il suo immenso patrimonio in attesa di essere valorizzato come merita: paesaggi, tradizioni, agricoltura, archeologia, artigianato, architettura, enogastronomia, arte, cultura, natura. Ma anche di connessioni tra le persone, tra i saperi e patrimoni di cui disponiamo, tra i territori e gli uomini che li vivono, tra le infinite identità da comporre come un mosaico. E soprattutto esempi di persone comuni, replicabili ovunque, che lavorano per realizzare sé stessi e la terra in cui vivono.

L’immenso patrimonio artistico e culturale italiano è ammirato e desiderato in tutto il mondo. Il suo potenziale, però, spesso non è valorizzato come si potrebbe e dovrebbe fare. #Generazione Bellezza vuole raccontare il valore della bellezza che impregna ogni centimetro quadrato del nostro Paese, ma anche evidenziare le azioni di quelle persone che hanno trasformato questo immenso potenziale in realtà. Emilio Casalini è andato in giro per l’Italia a cercare le storie di coloro che hanno preso nelle loro mani la bellezza che li circondava e l’hanno resa fruibile, accessibile a tutti.

RIVEDI LE PUNTATE SU RAIPLAY

LEGGI ARTICOLO SU AG|CULT

Il format televisivo di RAI3 scritto da Emilio Casalini cambia la rappresentazione dei territori. Li abita, tenendo il fuoco sulle persone e le loro aspirazioni. Rompe il buio che ancora li rende soli, illuminando nuovi cammini per tutti.

LEGGI L’ARTICOLO SU AG|CULT “Generazione Bellezza”, così il racconto dei territori ne partecipa l’opera