Entro il 1° febbraio è prevista la scelta delle dieci finaliste. Sale l’entusiasmo a La Maddalena in attesa della nomina ufficiale delle dieci finaliste che concorreranno a Capitale italiana della cultura 2024. Vetrine e ingressi sono tappezzate con le bandiere del progetto isolano, confidando in buone notizie da Roma.

«Io ci credo. In città si respira una bellissima atmosfera, scuole, commercianti e cittadini la stanno vivendo con lo stesso entusiasmo della finale della coppa del mondo – commenta il sindaco Fabio Lai – In giro per il centro sventolano le bandiere colorate con su scritto il nome della nostra isola, che bella sensazione che riesce a regalare una città che ha così tanta voglia di ripartire».

In questi mesi l’amministrazione comunale ha orchestrato una campagna promozionale della propria candidatura incentrata sulla convivenza tra sviluppo e rispetto ambientale, promuovendo una versione di “cultura green”, in cui la valorizzazione del patrimonio di storia e tradizioni vuole arricchire l’offerta andando oltre la meta meramente estiva. In quest’ottica l’entusiasmo di negozianti e cittadini è il segnale di un centro che crede nel progetto, come spiega l’assessore comunale al commercio Stefania Terrazzoni: «Progressivamente l’entusiasmo ha coinvolto tutto il paese e ora è bello camminare per le strade con le bandiere. Siamo veramente felici della partecipazione dei cittadini che hanno colto l’importanza dell’appuntamento e ora speriamo di ricevere buone notizie». Entusiasta anche il delegato comunale alle attività produttive Stefano Cossu: «È veramente bello vedere il paese unito a sostegno della candidatura, proponendo la bandiera maddalenina e lo slogan scelto. Ora speriamo di ricevere buone notizie ma, in ogni caso, siamo davvero contenti di questa partecipazione e confidiamo che sia soltanto il primo passo di un percorso comune di sviluppo e crescita comunale».

Il meccanismo della manifestazione prevede la nomina delle dieci finaliste entro il primo febbraio, in seguito ai ritardi dettati dal Covid-19 sulle nomine dei membri della commissione, con una scrematura di oltre il 50 per cento sulle 23 candidature iniziali. A sostegno della candidatura maddalenina si sono schierate tutti gli enti locali, a partire da Regione e Provincia, unite all’Ente parco nazionale arcipelago di La Maddalena, Associazione dei comuni e Borghi d’Italia, promotori di un messaggio unico: “La Maddalena è la Sardegna”. Le dieci candidate prescelte dovranno presentarsi alla commissione ministeriale da cui verrà prescelta la Capitale 2024. La Maddalena sogna di essere la chiamata al grande appuntamento.

LEGGI L’ARTICOLO DI CLAUDIO INCONIS SU LA NUOVA SARDEGNA