Il Ministro della Cultura Dario Franceschini ha presieduto, il 1 aprile 2022 al Palais de l’Europe di Strasburgo, la conferenza ministeriale dedicata ai temi del patrimonio e delle politiche culturali, che si è tenuta nell’ambito della presidenza italiana del Consiglio d’Europa.
Si è trattata della prima riunione ministeriale nel contesto di questa organizzazione dopo lo scoppio della guerra in Ucraina, alla quale hanno partecipato tutti i ministri della cultura dei paesi aderenti, tranne la Federazione Russa che è stata esclusa da tale organismo. I lavori, introdotti, nella giornata di ieri, dalla performance dedicata all’Ucraina realizzata dell’artista italiano Quayola, sono stati articolati in diverse sessioni e vedranno la partecipazione, tra gli altri, del Segretario Generale del Consiglio d’Europa, Marija Pejčinović Burić, del Comandante Carabinieri Tutela patrimonio culturale, Gen. Roberto Riccardi, della professoressa Maria Luisa Catoni, ordinaria di Archeologia nella Scuola IMT Alti Studi Lucca e del coordinatore del centro per il patrimonio culturale dell’istituto italiano di tecnologia, Arianna Traviglia.
Alla conferenza ha partecipato il Ministro della Cultura e della politica di informazione ucraino, Oleksander Tkachenko.

Questi gli argomenti all’ordine del giorno della conferenza ministeriale:
– la cultura quale risorsa strategica per lo sviluppo sostenibile dell’Unione Europea;
– l’utilizzo delle nuove tecnologie nell’ambito della trasformazione digitale;
– le politiche incentrate sulla diversità e sul pluralismo, in relazione alla diversificazione delle coproduzioni di serie audiovisive.

Prevista inoltre l’adozione di una dichiarazione finale, intitolata “Creando il nostro futuro”, che istituisce un nuovo programma di sostegno finanziario alle coproduzioni europee di serie TV, insieme a nuove linee guida sul rapporto tra mondo della cultura ed Intelligenza Artificiale.

Hanno partecipato i rappresentanti dei seguenti Paesi:
Albania; Andorra; Armenia; Austria; Azerbaigian; Belgio; Bosnia-Erzegovina; Bulgaria; Cipro; Crozia; Danimarca; Estonia; Filandia; Francia; Georgia; Germania; Grecia; Irlanda; Islanda; Italia; Lettonia; Liechtenstein; Lituania; Lussemburgo; Macedonia del nord; Malta; Monaco; Montenegro, Norvegia; Paesi Bassi; Polonia; Portogallo; Regno Unito; Repubblica Ceca; Repubblica di Moldova; Romania; San Marino; Serbia; Slovacchia; Slovenia; Spagna; Svezia; Svizzera; Turchia; Ucraina; Ungheria.
Come osservatori erano presenti i rappresentanti del Canada, della Santa Sede, Israele del Giappone, del Messico e degli Stati Uniti.

In occasione dell’apertura della Conferenza dei Ministri della Cultura del Consiglio d’Europa, Presieduta dall’Italia con il Ministro Dario Franceschini, i cui lavori si sono tenuti il 31 marzo e il 1 aprile a Strasburgo, nella serata del 31 marzo c’è stata l’esibizione dell’artista italiano Quayola dal titolo: “Transient – Impermanent Painting”. La performance, concerto audiovisivo per due pianoforti meccanizzati e collegati a software generativi che hanno improvvisato proiezioni di immagini su schermo sincronizzate con la musica, è stata dedicata agli artisti e alla cultura Ucraina.

Quayola è un artista italiano noto a livello internazionale, selezionato dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del MiC per l’uso di sistemi di intelligenza artificiale e robotica al servizio dell’arte.

DOCUMENTI
1. Intervento del ministro Dario Franceschini
2. Dichiarazione Anno Europeo della Cultura e dell’Arte Ucraina
3. Dichiarazione Cultura, digitale e serie tv
4. Use of new technologies for combating offences related to cultural property

LEGGI LA NOTIZIA SUL SITO DEL MIC