Monumenti aperti per chi Cantù non l’ha mai vista, per chi non ha provato meraviglia davanti al Cristo affrescato nel catino dell’abside di Galliano, la chiesa amata da Ariberto, il grande arcivescovo di Milano. Per chi non conosce il campanile di S. Paolo, così essenziale e ardito e le absidi romaniche di S. Teodoro, gli affreschi cinquecenteschi della Cappella di S. Maria e tutte le chiese dove sostare nella penombra e nel silenzio. Vale per chi non ha visto gli edifici sacri e i monasteri dove per secoli le monache, chiuse al mondo, pregavano per tutti.
Un tempo le mura circondavano il borgo, fatta eccezione per Galliano, mura possenti, con torri di guardia e la Porta Ferraia e le altre di cui si sono perse le tracce. Al centro la “Piazza Granda” dove oggi si brucia la Giubiana. È un luogo d’incontro da cui si può partire a veder ricche dimore, case segnate dal tempo e poi palazzi espositivi che conservano mobili preziosi e merletti pieni di leggerezza e di grazia. E poi ancora le belle Scuole di Via Andina così bianche, così luminose, così lineari e razionali, che appaiono quasi all’improvviso svoltando a metà del lungo Viale della Madonna.
I tesori di Cantù non sono facili da scoprire. In qualche punto della città, in qualche stradina silenziosa, in qualche angolo remoto o semplicemente ignorato si nascondono finestre ogivali, un piccolo museo d’arte sacra, un’antica farmacia, una Madonna col Bambino su una vecchia parete, il nastro di Moebius che incrocia le strade degli uomini e un antico caffè con il dolce di Cantù. Sono lì e aspettano. (a cura di Rosanna Moscatelli – Ass. Iubilantes)

VISUALIZZA/SCARICA LA BROCHURE DELLA MANIFESTAZIONE LOCALE IN LOMBARDIA

Informazioni Utili

Oggetto di visita e di narrazioni “Parole della bellezza” saranno, in generale, chiese antiche e musei, luoghi della storia e della tradizione, monumenti di architettura moderna, luoghi del fare /del saper fare industriale e artigianale e della esposizione del legno arredo, e gli istituti scolastici dove questi saperi vengono trasmessi ai giovani. Saranno visitabili per l’occasione anche le importanti collezioni di cui queste scuole sono depositarie e custodi.

Gruppi di studenti faranno da reporter in città su tutti gli eventi in corso, con interviste, video e foto, e con pubblicazione sui social delle scuole.

Auser attiverà, su prenotazione, un servizio gratuito di trasporto per i visitatori anziani in difficoltà.

Gli eventi del mese di maggio sono inseriti nella XI GIORNATA /MESE NAZIONALE DEI CAMMINI FRANCIGENI promossa dalla Associazione Rete dei Cammini ETS APS

NB: È facoltà dei responsabili delle singole scuole, dei singoli monumenti e degli organizzatori dell’intera manifestazione variare, limitare o sospendere in qualsiasi momento, per ragioni organizzative o di afflusso, per l’incolumità dei visitatori o dei beni, le visite ai monumenti. Verificare sempre gli eventi e gli orari agli infopoint generali  o ai contatti delle singole scuole.

 

  • Comitato per la Promozione del Merletto
  • Comunità Pastorale San Vincenzo – Cantù-Intimiano
  • Consorzio La Permanente Mobili
  • Corale del Santuario della Beata Vergine dei Miracoli
  • Corale di S. Carlo di Fecchio diretta dal M° Maria Soldano
  • Coro dell’Istituto “Cardinal Ferrari”, diretto dal M° Luigi Rizzi, all’organo il M° Lorenzo Pestuggia
  • Fondazione Enaip Lombardia, Centro Servizi Formativi di Cantù
  • Istituto Scolastico “Cardinal Ferrari”
  • Liceo Artistico Statale “Fausto Melotti”
  • Liceo Statale “Enrico Fermi”
  • Nuova Scuola di Musica di Cantù
  • Rete dei Cammini a.p.s.

Il programma del 28 – 29 settembre 2019

Enaip Factory e AperiLab
Camminacittà in Cantù

Iniziative speciali

Giovani Reporter