Quartucciu è una cittadina di circa 13.000 abitanti dell’area metropolitana di Cagliari. Il suo territorio si estende dallo Stagno di Molentargius (Bella Rosa Minore è il tratto più rilevante a livello scientifico, secondo la convenzione del trattato di Ramsar), alla catena montuosa dei Sette Fratelli, ed è suddiviso in due parti: centro abitato e borgata di Sant’Isidoro, distante circa 10 Km., dove gravitavano i possedimenti dei proprietari terrieri.
Il suo nome, secondo gli studiosi, è d’origine romana significando la distanza da Carales (Cagliari), Quarto ab urbe lapide.
Numerose sono le testimonianze risalenti ai periodi storici punico, romano, vandalico e medievale. La necropoli punico-romana di Pill’ ‘e Mata è un esempio di alto valore storico ed archeologico. I segni preistorici, ancora oggi visibili, sono dati dai nuraghi disseminati nelle campagne di S.Isidoro, nelle cui vicinanze si trova la Tomba dei Giganti (Sa Dom’ ‘e S’Orcu) un maestoso monumento megalitico di età nuragica.
Nel centro abitato le tipologie abitative sono diverse: accanto ai recenti palazzi e villette a schiera permangono le caratteristiche case campidanesi e alcune palazzine in stile neoclassico e liberty. Le case campidanesi, costruite con i mattoni di fango, presentano ancora gli elementi costitutivi quali le lollas (loggiati aperti sul cortile con archi a tutto sesto ) e gli imponenti portoni di legno. Le chiese documentano il periodo che va dal secolo XI al XVIII e al loro interno sono presenti interessanti opere d’arte.
Numerose sono le associazioni culturali, sportive e di volontariato che valorizzano le tradizioni locali attraverso varie manifestazioni folcloristiche e culturali in tutti mesi dell’anno.
La recente scoperta della necropoli di Pill’ ‘e Mata, a poche centinaia di metri dal centro abitato, da una parte arricchisce il patrimonio archeologico della Sardegna, dall’altra suscita grandi aspettative nella comunità locale. (Dal sito istituzionale)

Il sito ufficiale del comune di Quartucciu

Visualizza/scarica la guida della manifestazione

BENVENUTI!
Anche Quartucciu si inserisce nel calendario della XXIII edizione della manifestazione Monumenti Aperti. Le giornate del 4 e 5 maggio saranno l’occasione per far conoscere una parte importantissima del patrimonio artistico, archeologico e culturale del nostro paese.
Si è studiato un itinerario che vedrà coinvolti la Tomba dei Giganti Sa Dom’e s’Orku, un importante esempio di architettura funeraria nuragica immersa nello splendido scenario delle campagne de Is Concias, tra i profumi del lentischio e del corbezzolo, il centro storico con la chiesetta seicentesca di San Biagio, la tipica Casa Campidanese DoMusArT (ex Casa Angioni) in via Neghelli. Tappa importante saranno la chiesa romanica di Sant Efisio, la chiesa tardo-gotica di San Giorgio, la piazza Parrocchia. Sarà possibile visitare la chiesa dedicata a Sant’Antonio, la chiesa moderna dedicata a San Pietro Pascasio, la chiesetta di Sant Isidoro nella frazione di San Isidoro.
Importante nel percorso è il Parco archeologico di Pill’e Matta che riapre al pubblico con una mostra di quadri. Grazie alla collaborazione degli alunni del Liceo Scientifico “Brotzu” di Quartu Sant’Elena i visitatori potranno partecipare al percorso culturale “MaDre Mediterraneo”. Sarà inoltre possibile assistere ad uno spettacolo di musica e balli della tradizione sarda nel piazzale del Parco archeologico.
L’intento dell’Amministrazione è favorire la crescita civile e culturale del proprio territorio anche attraverso il coinvolgimento dei volontari e degli studenti. Sarà un’occasione affinché la cultura possa rappresentare un rilevante fattore di attività turistica, oltre che un opportunità per i commercianti, i produttori e i ristoratori locali che potranno offrire i propri servizi. Quartucciu diventa appuntamento importante di valorizzazione e fruizione del territorio e delle proprie attività produttive, in una visione ampia di rilancio turistico culturale.

Il sindaco Pietro Pisu
L’assessora alla Cultura Elisabetta Contini

Informazioni Utili

  • I monumenti saranno visitabili, gratuitamente, sabato 4 maggio e  domenica 5 maggio  secondo gli orari indicati nei singoli monumenti.
  • Per la visita ai siti si consigliano abbigliamento e scarpe comode.
  • Le visite alle chiese saranno sospese durante le funzioni religiose.

Tel. 360506558 – 3387624544 (info point)

  • Comune di Quartucciu
  • Istituto comprensivo statale “Ermanno Cortis”
  • Liceo statale scientifico artistico “G. Brotzu” di Pitz’e Serra – Quartu Sant’Elena
  • Istituto tecnico economico “Pietro Martini” Cagliari
  • Istituto tecnico commerciale “Primo Levi” di Pitz’e Serra – Quartu Sant’Elena
  • Associazione turistica Pro Loco di Quartucciu
  • Associazione di Volontariato Guardian Angels
  • Protezione Civile Quartucciu
  • Domenica Puggioni, guida turistica
  • Patrizia Zuncheddu, archeologa
  • Artisti vari
  • Dario Cosseddu, insegnante
  • Patrizia Perrotta
  • Gruppo Vittoriani Itineranti
  • Ragazzi del servizio civile
  • Associazione Su Cambusciu

Iniziative speciali

Eventi
Gusta la città