Villacidro, con i suoi 14.454 abitanti, è il centro più popoloso dell’area vasta del Medio Campidano, e sorge 45 chilometri a nord ovest di Cagliari, là dove la piana monotonìa del Campidano cede il passo agli ultimi contrafforti del sistema montuoso del Linas.
“Un paese di Montagna”, lo definiva G. De Francesco nel 1902, e sicuramente lo era, e  non solo per le sue caratteristiche geofisiche.
Attualmente Villacidro è una moderna cittadina che guarda alla pianura con i piedi, però, ben piantati alle sue montagne e alle sue colline che nel tempo l’hanno resa celebre per le sue ciliegie, per i suoi agrumi, per il suo olio d’oliva, per la salubrità della sua aria.
Nel 1768, con il vescovo Giuseppe Maria Pio, entrò a far parte della diocesi di Ales e ne divenne presto il centro principale; Monsignor Pilo infatti, dopo aver acquisito il palazzo dei Marchesi Brondo, ex feudatari di Villacidro, lo ristrutturò e vi si trasferì, imitato in seguito da molti suoi successori.
Dal 4 maggio 1807 al 24 dicembre 1821 fu anche sede di Prefettura e, come capoluogo di provincia, esercitò la sua giurisdizione su ben 42 Comuni, tra i quali Arbus, Gonnosfanadiga, Guspini, Sardara, San Gavino e Sanluri, mentre la Provincia di Cagliari comprendeva allora appena 28 Comuni.
Sede di un Comando di Compagnia dell’Arma dei Carabinieri, il paese ospita anche tre piccoli ma interessantissimi musei: il museo archeologico Villa Leni, il museo farmaceutico “Sa Potecarìa”, e il museo di arte sacra.
Vocata da sempre all’agricoltura e alla pastorizia, alla fine degli anni sessanta Villacidro cominciò a vivere una sua avventura industriale che portò anche  un certo benessere , ma  che alla fine si rivelò effimera. Oggi gli spazi lasciati liberi da quella fugace illusione vengono riempiti nuovamente dall’attività quasi frenetica di oltre centoventi piccole e medie imprese, molte delle quali a vocazione agroalimentare, all’interno di un Consorzio Industriale al quale aderiscono, oltre a Villacidro, numerosi paesi del circondario. Il paese quindi guarda al futuro con un certo ottimismo, pur restando ancorato, con voluta fermezza, ai valori più genuini del proprio passato, valori che, sul piano culturale, sono celebrati nelle opere dello scrittore Giuseppe Dessì , il Villacidrese più illustre, che nel 1972 vinse il Premio Strega cantando questa terra e i suoi costumi con accenti di melodica nostalgia.

La più grande ricchezza, però, che Villacidro custodisce gelosamente, è costituita dalle sue bellezze ambientali, dai prati d’asfodelo dei suoi terreni più brulli, alle filliree, ai lentischi, ai corbezzoli delle sue colline, ai boschi di leccio  delle sue montagne. 

Il visitatore che si inoltra lungo le profonde valli di Coxinas , di Narti, di Villascema , di Montimannu, vive avventure naturalistiche che gli mozzano il fiato, tra paesaggi dolomitici, acque perenni e vaste distese di foreste incontaminate.

Sito ufficiale del Comune di Villacidro

Scarica/visualizza la guida della manifestazione locale

Benvenuti !
Questa edizione si presenta con una veste totalmente nuova: la concomitanza con la 47° sagra delle ciliegie e con la sagra di Sant’Isidoro regalerà ai visitatori un’esperienza che esalterà le peculiarità del nostro territorio.
Abbiamo acceso i riflettori sui monumenti presenti all’interno del paese, mettendone a riposo qualcuno, aprendone dei nuovi e riservando le classiche mete campestri per altre manifestazioni. Anche “Ciliegeti aperti”, proposto per la prima volta nel 2017 come “monumento naturalistico”, quest’anno prende una strada tutta sua, provando a camminare con le sue gambe.
La grande novità di questa edizione è il cimitero monumentale di Gaetano Cima, con la tomba di Giuseppe Dessì e diversi, pregevoli, monumenti funerari.
Dopo il grande successo del 2018, vengono riproposti sia il rifugio antiaereo, che la Casa Pasolini, ex-Caserma dei Carabinieri a cavallo, uno degli edifici più significativi della Villacidro del Novecento. Altra novità è la mostra documentale dedicata al sapere tradizionale legato alla tessitura a Villacidro, ospitata al Mulino Cadoni.
Dal 25 maggio al 2 giugno avremo una serie di eventi speciali, che animeranno Villacidro offrendone uno spaccato completo: dalla coltivazione delle ciliegie, all’abito tradizionale; dalla storia della musica nel paese, no ai successi di Claudia Aru; dalle tradizioni enogastronomiche, fino alla sfilata delle tracas: domenica sera i visitatori, senza spostarsi dai monumenti che stanno visitando, potranno ammirare l’imponente processione in onore di Sant’Isidoro, che sfilerà per le vie del paese. L’Amministrazione ringrazia tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione della manifestazione: dai dirigenti agli insegnanti, agli studenti; dalle associazioni, ai gruppi e agli Enti che hanno sostenuto l’iniziativa.
Villacidro è città di luce in cui storia, cultura, arte, natura, sapori, colori e profumi si fondono per offrire al visitatore un’esperienza unica e indimenticabile.
Villacidro è città di acque fresche e cristalline, di prodotti genuini regalati da una terra gelosa e generosa, curata da braccia forti e instancabili.
Villacidro è madre e padre di donne e uomini operosi, di cultura, di scienza, d’arte, di sport, di fede e di spettacolo.
Villacidro è per voi. Benvenuti!

La Sindaco
Marta Cabriolu

L’Assessore alla Cultura
Giovanni Spano

Informazioni Utili

Alcuni dei monumenti più importanti saranno visitabili gratuitamente già dalla mattina di sabato dalle 10.00 alle 13.00. Le visite proseguiranno sabato dalle 16.00 alle 20.00 e la domenica dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 20.30.

  • Per la visita ai siti si consigliano abbigliamento e scarpe comode.
  • Le visite alle chiese saranno sospese durante le funzioni religiose.
  • È facoltà dei responsabili della manifestazione limitare o sospendere in qualsiasi momento, per l’incolumità dei visitatori o dei beni, le visite ai monumenti.
  • In alcuni siti la visita potrà essere parziale per ragioni organizzative o di afflusso.

e-mail: villacidro.monumenti.aperti@gmail.com

Info Point / Accoglienza
a cura della Consulta Giovani del Comune di Villacidro
www.villacidroturismo.it – www.parcodessi.it

Facebook: VillacidroMonumentiAperti – ViviVerde Villacidro

Instagram: #monumenti_aperti_villacidro – #monumentiapertivillacidro

  • Comune di Villacidro
  • Polizia Locale
  • Compagnia Barracellare
  • Fondazione “Giuseppe Dessì”
  • Parrocchia Santa Barbara
  • Museo delle Arti Grafiche del Mediterraneo
  • Marchionni MAGMMA
  • Farmamuseo “Sa potecarìa”
  • Pro Loco di Villacidro
  • Pro Loco di Galtellì
  • Comitato “Sant’Isidoro”
  • Consulta Giovani del Comune di Villacidro
  • AVSAV – Associazione Volontari Soccorso Ambulanza Villacidro
  • Protezione Civile
  • Istituto Comprensivo n°1 – “Antioco Loru”
  • Istituto Comprensivo n°2 – “Giuseppe Dessì”
  • Liceo Classico e Linguistico Statale – “Emanuele Piga”
  • Centro Provinciale per l’Istruzione degli Adulti CPIA 2 Serramanna
  • Università della Terza Età Villacidro
  • Centro internazionale del fumetto
  • Bepi Vigna
  • Gildo Atzori
  • Jean Claude Vinci
  • Claudia Aru
  • O.D.A. – Efisio Cadoni
  • Francesco Pasolini
  • Alessandra Pasolini
  • Marcello Schirru
  • Giovanni Deidda
  • Fabrizio Tola
  • Roberto Concas
  • Anna Maria Marras
  • Manuela Puddu
  • Alessandra Saba
  • Giuditta Sireus
  • Marisa Pittau
  • Antonio Sollai
  • Consorteria delle Arti
  • Banda musicale “Città di Villacidro”
  • Associazione Musicale Santa Cecilia
  • Associazione “Memoria è storia”
  • Gruppo folk “Città di Villacidro”
  • Coro “Donne in musica”
  • Associazione Carabinieri in pensione
  • Caffè letterario

  • Giovanni Spano (Assessore alle Politiche Culturali)
  • Marco Deidda (Assessore alle Politiche Ambientali)
  • Luciano Muscas (Presidente Pro Loco Villacidro)
  • Franco Leo (Comitato S. Isidoro)
  • Sara Deidda, Fabio Massimo Piras (Consulta Giovani)
  • Rosa Steri, Rosaria Martis, Anna Lisa Aresti (Ist.compr. n.1 Dessì)
  • Vanna Ciampi, Francesca Chiarullo (Ist. compr. n.2 Loru)
  • Ornella Vinci (Coro “Donne in Musica”)
  • Fabrizio Mascia (Banda musicale “Città di Villacidro”)
  • Giuseppe Marras (Liceo Classico e Linguistico Piga)
  • Vittorio Monni (Ass. Memoria è storia)
  • Gianni Piras (Università della terza età)
  • Stefano Corrias (CPIA)
  • Giovanni Deidda (Consulente)
  • Concetta Vacca (Associazione Musicale S.Cecilia)
  • Antonello Scano (Pres. Commissione Cultura)
  • Noemia Loi (Consigliere comunale)

Iniziative speciali

Eventi