Con i suoi settantamila abitanti, Quartu Sant’Elena è la terza città della Sardegna in ordine di importanza dopo Cagliari e Sassari. Fino agli anni ’60 la vita economica della cittadina era incentrata prevalentemente sull’agricoltura, l’artigianato e l’estrazione del sale. La vicinanza con Cagliari ha favorito però una rapidissima espansione edilizia e demografica: in pochi decenni il numero dei residenti è quadruplicato, trasformando quello che era un tranquillo borgo rurale in una vera città, il cui sviluppo ha interessato anche la fascia del litorale.

Numerosi sono i nuraghi segnalati nel territorio comunale, quasi tutti costruiti a guardia dei passi in direzione del mare. Fenici e Romani si insediarono nei punti chiave del territorio, colonizzando l’originaria popolazione isolana che viveva nei pressi delle paludi costiere. Proprio dal miliario che segnava il quarto miglio della strada romana che da Cagliari portava verso l’interno dell’isola, la città prese l’attuale nome. I Bizantini, giunti nei secoli successivi, lasciarono una notevole eredità culturale. L’attuale struttura urbana del centro storico ricalca tuttavia in linea di massima la struttura “a fuso” che si afferma nel periodo medioevale. Le vicende isolane portarono il borgo sotto il dominio dei militari catalani, dei feudatari spagnoli, degli austriaci e infine dei piemontesi. Nel 1793, sulle coste quartesi viene eroicamente fermato dalle milizie locali un tentativo di sbarco e invasione dell’armata francese agli ordini dell’ammiraglio Troguet. Nel 1959 arriva dalla Repubblica Italiana il riconoscimento ufficiale di “Città”, e viene aggiunto – per evitare la confusione con località omofone del territorio nazionale – il nome della santa patrona.

Vai al sito ufficiale del Comune di Quartu Sant’Elena

Monumenti Aperti è un appuntamento ormai tradizionale ed una vetrina imperdibile per Quartu, anche quest’anno presente alla manifestazione con alcuni dei suoi siti più identificativi: la Chiesa di san Benedetto e l’ex Convento dei Cappuccini nel centro storico, Nuraghe Diana e la Villa Romana lungo il litorale. La promozione della cultura e della storia dei luoghi è parte integrante dell’esercizio collettivo verso la creazione di una cittadinanza matura, piena e consapevole, capace di attrarre flussi di energie e un rinnovato interesse verso la nostra città. Riconoscere un luogo significa amarlo e migliorarlo, preservandolo per le future generazioni. È con questo spirito che Quartu propone quest’anno la riscoperta di itinerari noti e meno noti, pronti a soddisfare la curiosità di tutti i visitatori.

Informazioni Utili

I monumenti saranno visitabili gratuitamente sabato 20 e domenica 21 novembre secondo gli orari indicati in ciascun monumento/itinerario.

  • Per la visita ai siti si consigliano abbigliamento e scarpe comode.
  • Le visite alle chiese saranno sospese durante le funzioni religiose.
  • È facoltà dei responsabili della manifestazione limitare o sospendere in qualsiasi momento le visite, per l’incolumità dei visitatori o dei beni. Le escursioni al Parco di Molentargius verranno svolte solo se le condizioni meteo lo consentiranno.
  • In alcuni siti la visita potrà essere parziale per ragioni organizzative o di afflusso
  • Istituto Statale, Tecnico Commerciale( ITC) Primo Levi
  • Istituto Statale Comprensivo n.1 “Porcu- Satta”
  • Istituto Statale Comprensivo n.6 “Bellavista”
  • Associazione Proloco Città di Quartu
  • Associazione Culturale ”Feminas”
  • Associazione Forma e Poesia nel Jazz
SCARICA IL MANIFESTO

I monumenti

PRENOTA ORA

L’itinerario

PRENOTA ORA