Sassari, ubicata al centro della vasta regione a Nord-Ovest della Sardegna, è con i suoi 130.000 abitanti la seconda città dell’isola.

L’antico nome di Sassari, Thatari, compare per la prima volta nel 1113, in un antico registro del monastero di San Pietro di Silki. Il suo territorio offre numerose testimonianze della presenza dell’uomo a partire dal Neolitico antico, sin verso l’età del Rame, cui si data l’altare prenuragico di Monte d’Accoddi. La presenza di numerossimi siti di epoca nuragica rivela i segni dell’antica civiltà sviluppatasi in Sardegna durante l’età del bronzo e la prima età del Ferro, mentre le vestigia romane rivelano i segni della dominazione romana (238 a.C. – 460/467 d.C.).

Nel 1236 la città si costituì in libero Comune, per poi promulgare nel corso del XIII secolo gli “Statuti Sassaresi”, che regolavano la vita politica e amministrativa della città. L’alleanza sti­pulata prima con Pisa e poi con Genova favorì una fiorente crescita economica e culturale, testi­moniata dalla realizzazione di opere edilizie tra le quali la cinta muraria e il palazzo comunale. Città Regia dal 1331, Sassari conserva ancora oggi i segni del dominio aragonese e spagnolo, durato quattro secoli e conclusosi nel 1713 col Trattato di Utrecht. Dopo una breve dominazione austriaca, nel 1720 la Sardegna venne ceduta ai Savoia. Il tempo e il susseguirsi degli avvenimenti storici contribuiscono a definire i tratti caratteristici della città di Sassari che si offre a chi la sa guardare e scoprire. L’articolato centro storico  racchiude all’interno della cinta muraria medievale, risalente al XIII secolo, monumenti di grande pregio architettonico. Segni ancora visibili delle antiche mura sono presenti in piazza Sant’Antonio e lungo il corso Trinità, nei pressi della se­centesca Fontana di Rosello, monumento simbolo della città.
Lungo il corso Vittorio Emanuele II e nelle vie del centro, tra suggestivi archivolti e antichi selciati si affacciano gli edifici religiosi e civili più rappresentativi. Tra le numerose chiese, la Cattedrale di San Nicola, della quale spicca la maestosa facciata barocca risalente al XVIII secolo.
Importanti architetture civili arricchiscono la visita della città e ne raccontano la storia: tra questi il neoclassico Palazzo di Città, sede del Museo della Città, il Palazzo Ducale, uno dei massimi esempi di architettura civile con funzioni pubbliche, il Palazzo d’Usini e il Palazzo della Frumentaria, il Palazzo dell’Insinuazione.  Tra gli stretti vicoli si aprono le piazze cittadine: piazza Duomo, piazza del Comune, piazza Tola, piazza Azuni e Piazza Castello, dove gli scavi del Barbacane restituiscono alla memoria cittadi­na ciò che resta dell’antico castello abbattuto alla fine dell’Ottocento.
La piazza Castello segna il punto di congiunzione tra il centro storico e l’ampliamento otto­centesco della città, simbolicamente rappresentato dal Palazzo della Provincia che domina la piazza d’Italia nella quale  si erge il monumento al re Vittorio Emanuele II. A breve distanza, lungo la via Roma, si trova il Museo Nazionale “G. A. Sanna”, istituzione museale di prestigio per l’isola.
Sassari è la città dove si svolgono due importanti eventi: la festa dei Candelieri, riconosciuta  dall’Unesco patrimonio dell’Umanità e la Cavalcata Sarda.

Vai al sito ufficiale del Comune di Sassari
SCARICA LA GUIDA AI MONUMENTI

Un quarto di secolo, tanto tempo. E nell’edizione di quest’anno, dopo due anni segnati dalla pandemia, salutiamo con grande piacere il ritorno di Sassari, città importante e simbolica, nella rete del nostro progetto. Da Cagliari al resto dell’Isola e ad altre regioni della Penisola, un crescendo incoraggiante, soprattutto di consapevolezza e partecipazione. È questo Il nostro bello (insieme ci prendiamo cura del tempo), come recita lo slogan della manifestazione targata 2022: il “nostro” patrimonio, le “nostre” comunità, i “nostri” volontari. Sullo sfondo sempre il concept “Scuola di libertà”, che dall’edizione 2021 vuole marcare il ruolo di educazione alla conoscenza “aperta” del patrimonio culturale proprio della manifestazione. Il nostro bello: le azioni di chi fa, nelle sue svariate declinazioni, Monumenti Aperti, di chi la costruisce e realizza, di chi la vive, la sostiene e di chi ogni anno la vuole e aspetta, perché sa che la cultura è bellezza, è benessere, è crescita del territorio e delle comunità che lo abitano. Il “visual” che accompagna lo slogan bene esprime tutto questo: una moltitudine di persone – volutamente in contrasto con le situazioni a cui, nostro malgrado, ci siamo dovuti abituare – che insieme si muovono per formare il logo di Monumenti Aperti.

Abbiamo guardato costantemente avanti. Nonostante tutto non ci siamo mai fermati, le estreme criticità affrontate non ci hanno impedito di continuare a muover- ci e di proiettarci verso il futuro. Anzi. Siamo convinti che sia arrivato il momento di sfidarlo il futuro, dando vita alla Fondazione di comunità di patrimonio Monumenti Aperti, per garantire e migliorare le prospettive del nostro progetto. Nel frattempo, nel 2021 abbiamo, fortemente, voluto festeggiare la 25esima della manifestazione, lanciando un segnale chiaro di speranza e di voglia di ripresa. Quest’anno abbiamo “rilanciato”, siamo ripartiti in presenza, senza più alcun filtro digitale, dall’alveo temporale tradizionale, la primavera, per sottolineare il desiderio di far tornare Monumenti Aperti a essere quella festa di comunità, quel rito collettivo che è sempre stato. Dunque, tutto il bello di Sassari è lì che ci aspetta, che vi aspetta. Pieno d’aperto.

Massimiliano Messina
Presidente Imago Mundi OdV

Informazioni utili

  • Salvo diverse indicazioni i monumenti saranno visitabili sabato 21 maggio dalle 17.00 alle 21.00 e domenica 22 maggio dalle 10.00 alle 21.00.
  • Nelle chiese le visite verranno sospese durante le funzioni religiose.
  • Gli orari di apertura di alcuni monumenti potrebbero non coincidere con quelli della manifestazione.
  • Visite guidate con servizio di interpretariato LIS (Lingua Italiana dei Segni)
    In collaborazione con l’Ente Nazionale per la protezione e l’assistenza dei Sordi ONLUS – Sezione provinciale di Sassari.

    • Sabato 21 maggio – incontro in piazza Castello alle ore 18.00.
    • Domenica 22 maggio – incontro in piazza Castello alle ore 15.00 e 18.00

Punto Informazioni Monumenti Aperti

Sabato 21 e domenica 22 maggio dalle 10.00 alle 21.00 sarà presente in piazza Castello l’Infopoint dove si potranno ricevere informazioni sui monumenti, sugli eventi e sui percorsi di visita.

Per maggiori informazioni

  • e-mail: infosassari@comune.sassari.it
  • www.comune.sassari.it – www.turismosassari.it
  • facebook.com/turismosassari
  • instagram.com/turismosassari
  • Il tag ufficiale della manifestazione è #monumentiaperti22

“Alla scoperta di Sassari con Oreste”

Bus turistico scoperto gratuito per le famiglie e gli over 65
Partenza da piazza Castello

  • Sabato 21 maggio: ogni ora dalle 17.00 alle 20.00
  • Domenica 22 maggio: ogni ora dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 20.00.

La guida turistica a bordo illustrerà ai passeggeri la storia e le tradizioni della nostra città.
La durata del tour panoramico sarà di 50 minuti.

  • COMUNE di SASSARI
    Il Sindaco, Gian Vittorio Campus
    Assessora alla Cultura, Laura Useri
  • Settore Politiche Culturali e della gestione del Patrimonio Immobiliare
    Coordinamento
    Antonio Solinas, Filippa Marrone, Maria Bruna Salis, Anna Maria Piras, Daniele Dettori
  • Coordinamento regionale Monumenti Aperti
    Imago Mundi OdV

Si ringraziano gli Enti, le Istituzioni e i privati che han- no gentilmente aderito alla manifestazione dando la disponibilità all’apertura dei monumenti nonché a tutti coloro che hanno permesso la realizzazione degli eventi collaterali:
Ministero della Cultura, Direzione regionale Musei Sardegna, Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Sassari e Nuoro, Centro di Restauro dei Beni Culturali, Regione Autonoma della Sardegna – Assessorato degli Enti locali, Finanza e Urbanistica, Università degli Studi di Sassari, MUNISS – Museo Scientifico dell’Università di Sassari, Biblioteca Universitaria di Sassari, Provincia di Sassari, Accademia di Belle Arti “Mario Sironi” di Sassari, Brigata Meccanizzata “Sassari”, Museo storico della Brigata Sassari, Fondazione di Sardegna, Intesa Sanpaolo, Associazione Industriali del Nord Sardegna, Arcidiocesi di Sassari, Museo Diocesano – Chiesa di San Michele, Parrocchia Primaziale Metropolitana San Nicola e Santa Caterina, Cooperativa Areté, Frati Minori Conventuali – Convento di Santa Maria di Betlem, Parrocchia di Nostra Signora del Latte Dolce, Arciconfraternita dell’Orazione e Morte, Confraternita del Santissimo Sacramento, Associazione Nostra Signora del Latte Dolce, Associazione Corale “Luigi Canepa”, Gremio dei Sarti, Intergremio Città di Sassari, Comunità di Sant’Egidio, Ente Nazionale per la protezione e l’assistenza dei Sordi ONLUS – Sezione provinciale di Sassari, Associazione “S’Arte Sua”, Associazione “Il Corso”, Associazione Tusitala Storytelling, Gruppo Quiteria per la promozione storica e culturale, Associazione Culturale LandWorks, Associazione di volontariato AGRAS, Coro Polifonico San Francesco d’Assisi, Comitato San Francesco, CAI (Club Alpino Italiano) – Sezione Sassari, Gruppo Speleo Ambientale Sassari, Marco Atzeni

Un particolare ringraziamento agli istituti scolastici cittadini:

  • Liceo Scientifico e Linguistico Statale “Guglielmo Marconi”
  • Liceo Scientifico Statale “Giovanni Spano”
  • Liceo Classico, Musicale e Coreutico “D.A. Azuni”
  • Liceo delle Scienze Umane: Economico Sociale Linguistico – Internazionale “Margherita di Castelvì”
  • Convitto Nazionale Canopoleno
  • Licei Istituto Tecnico Industriale “G. M. Angioy”
  • Istituto comprensivo “Farina – San Giuseppe”
  • Istituto Comprensivo “Pertini – Biasi”

I Monumenti – elenco monumenti/itineri

VISUALIZZA LA MAPPA CON I MONUMENTI

Gli Itinerari

Iniziative speciali

  • Piazza Castello
    ore 16.00 ore 16.30
    Raduno degli studenti – Spettacolo degli Sbandieratori e Musici della Città dei Candelieri
  • dalle 17.00 alle 18.30
    Partenza da piazzale Cappuccini Le passeggiate di Monumenti Aperti con… Marco Atzeni “Il colle dei Cappuccini: tra i viali alberati e le Ville Liberty”
    Su prenotazione per massimo 50 persone
    Per informazioni e prenotazioni è necessario inviare una e-mail all’indirizzo cultura@comune.sassari.it (Comune di Sassari)
  • dalle 17.00 alle 19.30 – Museo MUNISS – Museo di Ateneo dell’Università di Sassari
    Dipartimento di Agraria, Collezione Entomologica Tenebrio & C., il laboratorio degli insetti, a cura della dott.ssa Tiziana Nuvoli
    Museo MUNISS – Museo di Ateneo (Università degli Studi di Sassari)
  • dalle 17.00 alle 20.00 – Palazzina tomè
    “Tomè: storia di una famiglia” – Storytelling e rievocazione storica
    Gruppo Quiteria per la promozione storica e culturale
  • ore 18.30 – Casa dau
    Claude Debussy, Trio in Sol maggiore, I e IV movimento (Associazione Corale “Luigi Canepa”)
    Antonio Molle, violino
    Maria Carla Piras, violoncello
    Michele Rizzu, pianoforte
  • ore 20.00 – Casa dau
    W. A. Mozart, Rondo KV 184 (Associazione Corale “Luigi Canepa”)
    B. Martinu, First sonata
    I Allegro moderato, II Adagio, III Allegro poco moderato
    Federico Sanna, flauto
    Luca Sirigu, pianoforte
  • dalle 10.00 alle 11.30 – Partenza da piazzale Cappuccini
    Le passeggiate di Monumenti Aperti con… Marco Atzeni
    “Il colle di Cappuccini: tra i viali alberati e le Ville Liberty”
    Su prenotazione per massimo 50 persone
    Per informazioni e prenotazioni è necessario inviare una e-mail all’indirizzo cultura@comune.sassari.it
  • dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 20.00 Palazzina tomè
    “Tomè: storia di una famiglia”
    Storytelling e rievocazione storica
    Gruppo Quiteria per la promozione storica e culturale
  • ore 10.30 – piazza duomo
  • ore 11.00 – piazza Castello
  • ore 11.50 – Biblioteca Universitaria
  • ore 12.30 – Villa Sant’Elia
    Concerto corale itinerante per Monumenti Aperti a cura del Coro Polifonico San Francesco d’Assisi
  • dalle 11.00 alle 19.30 – Piazza Castello, via Luzzatti, Largo Cavallotti, Piazza Azuni, via Sebastiano Satta, corso Vittorio Emanuele II
    “La macchina del tempo. Prima fermata Sassari: dalle origini al medioevo”.
    Spettacolo di storytelling teatrale diretto da Monica De Murtas
  • 0re 11 – Piazza Castello
    Il Menestrello Tusitala annuncia il programma della giornata. Arrivo in piazza Castello del corteo medievale
  • dalle 11.00 – Corso Vittorio Emanuele
    Esibizione di artisti, saltimbanchi, giocolieri e mangiatori di fuoco
  • ore 11.15 – Piazza Castello – Piazza Azuni – via Sebastiano Satta
    Partenza itinerario storico condotto da Alessandro Ponzeletti e Franco G. R. Campus fino a via Sebastiano Satta passando per Piazza Azuni
  • dalle ore 12.30 – Corso Vittorio Emanuele II
    Cori e danze medievali
  • dalle 13.00 alle 15.30
    Degustazioni di ricette medievali, danze e menestrelli nelle locande del centro
  • ore 16.00 – Piazza Castello
    Il Menestrello Tusitala accoglie il pubblico
    Partenza itinerario storico condotto da Alessandro Ponzeletti e Franco G. R. Campus fino a via Sebastiano Satta passando per Piazza Azuni
  • dalle 16.00 alle 17.30 – via Luzzatti e Largo Cavallotti
    Teatro diffuso, danze e cori medievali
  • dalle 17.00 alle 18.00 – Largo Cavallotti – Libreria Dessì
    Il Narratore Tusitala incontra i piccoli lettori per presen- tare “La fabbrica delle storie”
  • ore 17.30 – via Sebastiano Satta
    Conclusione itinerario storico tra i banchi del mercato di “Platha de Cotinas”
    Incontro con personaggi dell’epoca medievale.
  • ore 18.00 – Corso Vittorio Emanuele II – Palazzo di re Enzo
    Matrimonio Re Enzo e Adelasia di Torres
  • ore 19.30 – Corso Vittorio Emanuele II
    Festa conclusiva con danze e canti medievali
  • dalle ore 19.30
    Locande del centro aderenti al progetto degustazioni di ricette medievali, danze e menestrelli
    Associazione Tusitala Storytelling e Associazione Il Corso
  • ore 18.00 – Museo MUNISS – Museo di Ateneo dell’Università di Sassari
    Visita guidata del Muniss in Sassarese, con il prof. Alessandro Derrù del Curriculum di Lingue e culture della Sardegna, DUMAS Dipartimento di Scienze Umanistiche e Sociali (Università degli Studi di Sassari)
  • ore 20.00 – Casa dau
    Voci Bianche Corale Canepa (Associazione Corale “Luigi Canepa”)
    M. Santoiemma/E. Gastaldon, Sono un albero speciale S. Rizzu, Il gatto miao
    R. Piumini/A. Basevi, Paolo fischio canzone n.3 Traditional Scottish song, My bonnie lies over…
    Josu Elberdin, Mantusha lupamusha,
    Traditional song, Fruit Canon
    Michael Gohl, Give it up
    Tradizionale/S. Rizzu, Jimba jimba,
    S. Rizzu/E. Gastaldon, Vivo così
    J. Lennon, Give peace a chance
    Salvatore Rizzu, direttore
    Michele Rizzu, pianoforte
  • sabato 21 maggio, ore 17.00
    domenica 22 maggio dalle 10.00 alle 18.00
    Pozzo Podestà – Argentiera
    “Menhir” – Mostra temporanea a cura di Milco Carboni, Pier Paolo Luvoni
    Accademia di Belle Arti Mario Sironi, Sassari
    con il supporto di LandWorks e MAR – Miniera Argentiera
  • Sabato dalle 17.00 alle 21.00
    domenica dalle 10.00 alle 21.00
    Biblioteca Universitaria di Sassari (Biblioteca Universitaria di Sassari – Ministero della Cultura)
    Mostra Bibliografica – Esposizione del patrimonio librario e manoscritto più pregiato conservato dall’Istituto.
    Saranno esposti in particolare:
    – Condaghe di S. Pietro di Silki [sec XII e XIII (ms.95)] – Statuti di Castel Genovese [sec. XIV (ms.3)] – Carta Nautica del Mediterraneo [sec. XVI (ms. 248)] – Manoscritto autografo Grazia Deledda, L’edera, 1905 • Scritti Autografi di Sebastiano Satta, Ms. 93/14
    – Prima edizione del “Sassari” di E.Costa (fondo Costa) con oggetti ed effetti personali dello storico e scrittore Sassarese custoditi dalla Biblioteca
    – Germinale Sardo, Roma, 1921 con copertina a colori di F. Ciusa (Dono Manunta, 1921)
    – Manoscritti n.5 e 106, Convento di Santa Chiara di Sassari
  • Santuario di Nostra Signora del Latte dolce
    Mostra dedicata alla storia e alla devozione di Nostra Signora del Latte Dolce con esposizione degli ex voto Associazione Nostra Signora del Latte Dolce
  • Centro di restauro dei Beni Culturali
    Mostra “Frammenti. Metodi e tecniche del restauro archeologico”
    Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Sassari e Nuoro