Qualche cenno sull'argomento:

Il territorio di Settimo è ancora caratterizzato dalla presenza di un importante patrimonio abitativo tradizionale. Domina la casa a corte, con il portale d’accesso che introduce alla grande corte delimitata dai magazzini, i ricoveri per gli animali, lo spazio per il forno e la casa d’abitazione protetta dal loggiato (lolla). Per Monumenti aperti è stato pensato un percorso con visita a due delle più interessanti case padronali di Settimo.
La prima, Casa Baldussi, già Casa Pilleri, in via Garibaldi, è attualmente abitata. Divisa in due parti per motivi ereditari, è stata riunita e recuperata mantenendo la caratteristiche architettoniche originali, riutilizzando materiali da costruzione tradizionali o da bioedilizia.
La seconda, in via Gramsci, apparteneva alla famiglia Dessy. La sua costruzione risale per la parte esterna al 1905/1906, mentre la parte interna è più antica. In seguito all’acquisizione da parte del Comune ha subito diverse ristrutturazioni che l’hanno in parte riportata al suo antico splendore. Durante le visite sarà possibile assistere alla dimostrazione della tecnica di lavorazione della terra cruda, inserito nell’ambito del Progetto Terra Accogliente.