Qualche cenno sull'argomento:

L’edificio è sede della confraternita del rosario. È ad aula unica con cappelle ai lati del presbiterio, più stretto della navata centrale. Tre archi a diaframma, due a tutto sesto e uno a sesto acuto con intradosso decorato a cassettoni, suddividono la navata centrale in quattro campate. La copertura è realizzata con travi lignee. La chiesa, risalente al XVI-XVII secolo, presenta numerosi rimaneggiamenti. La facciata ha il terminale piatto e un campaniletto a vela a due luci. Al centro si apre l’unico portone a due finestre.
Oltre alle caratteristiche statue a “cannuga”, di tradizione spagnola, con le sole estremità scolpite nel legno e vestite con abiti in tessuto prezioso si conservano le sculture di San Giuseppe, di San Francesco di Paola, Sant’ Efisio, realizzate in legno intagliato e policromato, assegnabili a scultori sari attivi nel XVIII secolo.