Qualche cenno sull'argomento:

È la chiesa parrocchiale di Bauladu e rappresenta l’apice artistico dell’architettura bauladese. Al suo interno sono identificabili i diversi stili che hanno caratterizzato il monumento dalla sua fondazione in Età Giudicale.L’originaria struttura duecentesca può ricostruirsi in una semplice aula a navata unica. Il portale è sormontato da un rilievo in calcare rappresentante la Vergine col Bambino tra due angeli. L’opera, di rilevante interesse artistico, in stile gotico-catalano del tardo Cinquecento, ha ispirato nel tempo l’immaginario collettivo che ha attribuito la decorazione alle leggendarie Damas Cugurras, donne medievali provenienti da Santa Barbara di Turre.
Al suo interno, di particolare importanza è la statua della Madonna della Neve: legno policromo, probabilmente di scuola spagnola risalente al XVI secolo.

Est sa crèsia parrochiale de Bauladu e rapresentat su mègius de s’architetura de sa bidda. A intro si reconnoschent sas diferentes modas chi ant caraterizadu su monumentu de sa fundatzione sua in Edade Giudicale.

S’istrutura de su dughentos est fraigada in dd’una navada ebbia. Sa ghenna est iscumpassada dae una figura in carchina de sa Vèrgine cun su Pipiu intre duos ànghelos. S’òpera, in istile gòticu-catalanu, de sa fine de su Chimbighentos, at ispiradu in su tempus s’immaginàriu de is bauladesos chi ant atribuidu su traballu a sas Damas Cugurras, fèminas bènnidas de Santa Barbara de Turre in s’Època de Mesu.

A intro de sa crèsia, de importu mannu est s’istàtua de sa Madonna de sa Nie: realizada in linna cun vàrios colores, est cun probabilidade de iscola ispagnola (XVI sèculu).

In custas dies, in sa pratza ‘e crèsia, dedicada a s’eroe de sa sarda rivolutzione Giuanni Maria Angioy, bi sunt traballos pro megiorare e avalorare su logu.