Qualche cenno sull'argomento:

La chiesa di Santa Croce, edificio molto importante, è forse il più antico del paese: la sua costruzione risale al secolo XI/ XII. Secondo le tradizioni orali, Semestene Ezzu, sorto probabilmente nel periodo bizantino, era sistemato nei paraggi della chiesa di San Michele, di cui oggi esisto- no appena le fondamenta. Quando nel finire del XI secolo, il centro venne definitivamente abbandonato, non è dato sfortunatamente sapere per quale motivo, i suoi profughi decisero di stabilirsi nel vicino sito, oggi chiamato “Carrela de Santa Rughe”, dove innalzarono un piccolo edificio sacro dedicato a San Giorgio. Fu questo il primo fulcro religioso del nuovo paese: “Semestene Nou”. Verso la ne del XVI secolo, venne eretta l’attuale Parrocchiale di San Giorgio, assai più maestosa e imponente. Il primitivo tempietto di eguale denominazione fu a sua volta ingrandito e trasformato per fungere da Oratorio alla Confraternita di Santa Croce, dalla quale prese il nome, perdendo in tal modo la sua dedicazione originaria. Nella chiesetta venivano ancora celebrate le funzioni della settimana santa, in particolare S’Iscravamentu, il venerdì santo. “L’edificio era a navata unica con copertura lignea poggiante su arconi. I muri perimetrali erano provvisti di contrafforti, quattro sul lato sinistro dove svettava un campanile a vela, e quattro sul lato destro della navata, dove era alloggiato il portale laterale di accesso all’aula di culto”.
La chiesa, divenuta pericolante, venne abbattuta nel gennaio del 1967, malgrado il tenace tentativo di salvataggio da parte dell’Amministrazione comunale. A questo inevitabile disfacimento sopravvissero fortunatamente i due portali: due assai pregevoli reperti dell’arte tardo gotica, catalano-aragonese che furono presi in consegna e “salvati” dalla Sovraintendenza ai Monumenti di Sassari. Dopo 50 anni, finalmente nel Marzo 2017, i portali sono tornati a casa e posizionati nel loro luogo d’origine dove possono essere ammirati.

Sa cheja, comente la bidimus como, umpare cun sa turre alta, a punta, est istada fata tra su 1623 e su 1633 e tzertos istudiosos narant chi l’epant fata subra de unu fràigu antigu de su de 12 sèculos.

In su passare de sos sèculos sa cheja est istada leada in manu e acontzada paritzas bortas, fintzas a sos ultimos arràngios, fatos in sa segundha medade de su de 20 sèculos, sa cheja est istada cambiada meda, siat a parte de intro, in muros, altare mazore e capellas, che a parte de fora, e sa piata est istada fata a nou.

In s’edifitziu, fatu a  sala longa, chi serrat a mesa luna, inue est s’altare mazore, b’at arcos e capellas a totas duas alas.

Sa fatzada at divèscios particulares de s’architetura de istile “Tardo rinascimentale” e unu disegnu sémplitze ma originale,  in mesu a sa fatzada ispicat su poltale, e subra  de custu b’at unu balcone.

Intro, sa cheja est a navada unica, partida in bator campàdas, tres de issas giughent sa bòveda a fromma de mesaluna e una a rughera. Serrat sa navada un’abside a pianta retangulare e sa bòveda, in cussa puru, est a fromma de mesaluna. A s’ala dresta b’at bator capellas e a s’ala manca bi ndh’at tres.