Qualche cenno sull'argomento:

La chiesa dedicata a San Saturnino sorge nella periferia di Ussana. L’irregolare facciata in pietra a vista, in parte originale, presenta una copertura a capanna a sinistra, con un caratteristico spiovente sulla destra. La parte centrale culmina con un campanile a vela ad unica luce. L’asimmetrica facciata della chiesa di San Saturnino, presenta centralmente un terminale a capanna, affiancato sulla destra da una copertura contraddistinta da uno spiovente. Il portale principale risulta incorniciato e sovrastato da un’apertura finestrata ad arco a tutto sesto. Culmina centralmente un campanile a vela ad una luce. Di probabile fattura provenzale attraverso i monaci Vittorini, il suo primo impianto risale al XII secolo ed è stato realizzato in stile romanico. A questo periodo appartengono l’aula binavata e biabsidata.
La chiesa, attualmente, non utilizzata per lo svolgimento di funzioni liturgiche, è in attesa di completamento di restauro. La chiesa rivela la dedica al martire cagliaritano Saturnino nella denominazione locale di “Santu Sadurru”. È menzionata per la prima volta in un mano- scritto del 1581, dove risulta fosse l’antica parrocchiale. All’interno della chiesa si conserva un sarcofago romano (III secolo d. C.) con una ricca decorazione scultorea nella parte frontale e nei due lati.