Qualche cenno sull'argomento:

Il complesso archeologico di Sa Mandra Manna si trova su un altopiano a circa 3 km da Tula lungo un antico sentiero che conduce al castrum romano e bisanzio di Castro (Oschiri).

E’ un luogo difeso naturalmente adatto all’agricoltura e all’allevamento: sono questi i motivi che probabilmente hanno spinto l’uomo a insediarsi in questa zona. Nel sito sono stati individuati una sepoltura preistorica a ipogeo bicellulare con sviluppo longitudinale scavata nella parete meridionale del pianoro, che presenta, nella parte superiore, una lastra di roccia naturale che, vista frontalmente, dà al monumento un aspetto megalitico; un piccolo dolmen; una tomba di giganti; una fonte; una muraglia megalitica con tracce di successivi adattamenti; un nuraghe a corridoio.

La muraglia megalitica, ad andamento semicircolare, cinge una parte del pianoro. Costruita con una doppia fila di massi poliedrici, in alcuni tratti sub-rettangolari, con intercapedine riempita di pietrame, la struttura ha una lunghezza complessiva di 120 metri e una altezza massima di 3; sono presenti inoltre delle lastre di tipo dolmenico.

La muraglia del corridoio presenta massi di notevole dimensione, alcuni dei quali hanno incisioni lineari variamente orientate in prevalenza verticali che disegnano motivi a graticcio. Tra le incisioni si vedono piccole coppelle.

Per quanto non siano finora presenti confronti iconografici precisi, il contesto della struttura, la sua  ubicazione, la presenza di coppelle fanno ritenere che siano da riferire al momento megalitico dell’occupazione del sito.