Qualche cenno sull'argomento:

Nel XX secolo Bauladu diede i natali al pittore Antonio Atza, annoverato tra i maestri più apprezzati dell’arte sarda del secondo Novecento. Il suo amore per l’arte lo mette in contatto con i fermenti avanguardistici internazionali di Mosca, Leningrado, Parigi, Londra e Madrid, dai quali trae continua ispirazione. L’aula consiliare a lui dedicata, conserva cinque delle opere più rappresentative del suo percorso creativo: un viaggio nel tempo tra innovazioni artistiche e il paesaggismo più classico. Anche lo spazio esterno, adiacente al Municipio, omaggia il pittore bauladese: l’ombra della pergola ferrigna proietta sulla muratura un intreccio di fili e di forme che richiamano l’arte di Antonio Atza e rimandano ulteriormente ad alcuni dei più importanti artisti isolani del secolo scorso, come Maria Lai.

In su de XX sèculos in Bauladu naschet su pintore Antoni Atza, artista de medas aficos, nomenadu intre sos mastros prus istimados de s’arte sarda de su Noighentos. S’amore suo pro s’arte ddu fàghet traballare cun sos mastros internatzionales de Mosca, Leningrado, Parigi, Londra e Madrid. Dae cussos artistas nde leat ispiratzione meda. Oe s’aposentu de su Cussìgiu Comunale est dedicadu a issu e bi sunt allogadas chimbe òperas suas de importu mannu chi rapresentant su gèniu suo. In sa pratza a foras de su Comunu, a issu dedicada, s’umbra de unu stabeddu torrat a produire in su muru unu disignu de s’artista.