Project Description

  • PIAZZA LAMARMORA- centro storico
    Rappresenta la linea di intersezione di diverse strade e percorsi del centro storico e percorsi del centro storico. Lo slargo è caratterizzato dalla fontana detta “Su Maimoni”, attribuita alla fine del XVIII secolo demolita nel 1872. Di recente ricostruzione, rialzata dal piano stradale di tre gradini al cui centro si colloca il parapetto del pozzo, sovrastato dalla statua di “Su Maimoni” intendendolo come figura demoniaca legata al rumore delle acque sotterranee che vi affluivano o come individuo dall’espressione goffa.
  • PALAZZINA LIBERTY – NON DISPONIBILE ALLE VISITE INTERNE (DI PROPRIETA’ PRIVATA).
    Il fabbricato della Palazzina liberty adiacente alla fontana “Su Maimoni” è stato impostato sin dal periodo medievale con l’intento di realizzare un’importante struttura di base capace di reggere Ie successive elevazioni. Esso è riportato nella prima cartografia della citta di Iglesias realizzata nel 1794 dal misuratore Maina, su incarico del Vescovo Porqueddu. Solo all’inizio del 1900, mentre lo sviluppo del settore minerario alimentava il rapido incremento demografico e la città si proiettava su una dimensione mitteleuropea, l’edificio raggiunge l’attuale elevazione e nel 1904 la sua facciata viene arricchita con fregi floreali tra i quali vengono realizzati 9 dipinti pubblicitari che hanno fatto di questo fabbricato un unicum in Italia e in Europa. Nel 2004, il Ministero dei Beni Culturali ha attribuito all’edificio il valore di bene culturale: a distanza di un secolo dall’ultimo importante intervento, nel maggio di quell’anno lo stabile viene restaurato ad opera di un privato che, nel rispetto dei vincoli imposti dalla Sovrintendenza, riporta la facciata della palazzina al suo stato originario restituendola alla fruizione collettiva che tutti oggi possono ammirare.
    Dalla piazza si dipartono vari vicoli e strade, tra le quali il Vico Meli, in parte coperto ed utilizzato come location espositiva per mostre estemporanee di artisti locali.
  • SCUOLE ELEMENTARI FEMMINILI– Via Roma
    Questo edificio ospita oggi la scuola primaria dell’Istituto comprensivo Pietro Allori e fu costruito nei primi anni trenta per far fronte3 all’aumento della popolazione scolastica. Per procedere alla costruzione venne demolito l’ambulatorio antitubercolare che era ubicato in quell’area.
  • PARCO VILLA BOLDETTI – Via Trexenta
    La villa sorge tra costruzioni private di più recente edificazione e si distingue per i suoi intonaci bisognosi di restauro, anche se proprio la sua decadenza ne rivela la particolare bellezza. La sua costruzione risale ai primi del Novecento ed è stata residenza di Giuseppe Boldetti, esponente di una delle più influenti e ricche famiglie della borghesia iglesiente del periodo. La casa del dottor Giuseppe Boldetti – ovvero “Villa Boldetti” – era rinomata per il suo parco di 14.000 mq, con un giardino all’italiana ricco di essenze arboree, vasche d’acqua, una grotta artificiale ed una ricca uccelliera. L’edificio si articola su due piani, per un totale di diciotto vani: al piano strada c’era il negozio con gli uffici, mentre la famiglia abitava al piano superiore. L’eleganza, la simmetria delle aperture decorate da stucchi (ora deteriorati) e la sobrietà̀ generale della facciata la inquadrano nel Liberty italiano.
  • sabato dalle 16 alle 19:30: esibizione musicale degli alunni dell’istituto Pietro Allori della scuola secondaria di 1° grado ad indirizzo musicale con tastiera e chitarra;
  • sabato 30 ottobre dalle 16 alle 19:30 e domenica 31 ottobre dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19: verrà allestita una mostra di arte figurativa degli alunni della scuola secondaria di 1° grado.
  • domenica dalle 9:30 alle 13:00:
    Mostra sulle tradizioni sarde con particolare riferimento ai costumi e agli abiti del folklore iglesiente legato alle festività religiose nel territorio, curata dalla classe 4^B
  • sabato 30 ottobre dalle 16 alle 18 e domenica 31 ottobre dalle 9.30 alle 12
    Mostra sulla storia delle miniere, curata dalla classe 5^